Eliminare le macchie in modo naturale

Una cena romantica, lume di candela, sguardi innamorati, un sorriso ammiccante e un bicchiere di vino versato per galanteria. Et voilà: la goccia di troppo che sfiora il vetro e abbraccia la tovaglia. Un classico, la macchia che rovina l’atmosfera. Ma non solo di macchie di vino è costellata la nostra vita, ma anche di grasso, fango, gelato, caffè, rossetto e così via. Una strada lastricata di aloni e colori vari, non sempre facili da eliminare con i soliti detersivi. Il più delle volte l’olio di gomito non basta, e ci si ritrova con abiti e tessuti rovinati da macchie tenaci. Ma accorrono in nostro soccorso i rimedi naturali di una volta.

Appoggiare il centrotavola sulla macchia di vino non sarà quindi una soluzione, anche se la tovaglia è quella delle occasioni migliori. Dove la chimica intossicante e inquinante dei detersivi il più delle volte non arriva, ci pensano i consigli delle nostre nonne. Trucchi, combinazioni, stratagemmi naturali e a impatto zero del tutto efficaci.

Ingredienti naturali per togliere le macchie

Per smacchiare naturalmente abiti e tessuti è bene avere a portata di mano: aceto, limone, latte, sale, burro, ghiaccio, borotalco, farina, acqua ossigenata, amido, bicarbonato, acqua bollente e candeggina. L’esperienza del passato, mescolata ai pochi mezzi a disposizione, ha fatto si che nonne e mamme potessero risolvere il problema in modo facile e naturale. Una scelta rispettosa dell’ambiente grazie all’utilizzo di ingredienti ecologici, oppure a basso impatto ambientale.

Vediamo insieme quali sono le macchie più tenaci e i rimedi per eliminarle. Sicuramente la più diffusa, come anticipato, è la macchia di vino rosso sulla tovaglia. Alcune correnti di pensiero suggeriscono di mescolare un po’ di limone con il sapone liquido, quindi di lasciarlo agire per 10 minuti e poi risciacquare.

>> Scopri come creare detersivi ecologici fai da te

C’è chi invece sostiene sia meglio versare sulla macchia un po’ di latte caldo, lasciarlo agire e poi sciacquare. E chi ancora di versare il sale, lasciare agire e sciacquare. Nel caso il vino cadesse sul parquet è bene cospargere la macchia con borotalco o farina, rimuovendo il tutto con un panno imbevuto di trementina. Ma in caso di legno costoso e di macchia persistente, è meglio rivolgersi a un esperto.

In caso di macchie di frutta è possibile rimuoverle immergendo il capo in acqua bollente. È importante lasciare agire per qualche minuto, così da far sparire il problema. Invece per la salsa e il sugo, un classico sulla camicia del marito, basta strofinare con un mix di acqua fredda e acqua ossigenata. Nel caso vi cadesse sul pantalone del latte caldo o la panna di un dolce, potete ripulirlo con acqua e ghiaccio, sapone e bicarbonato.

Passiamo ora alle macchie più tenaci come ad esempio quelle di erba, grasso, caffè, cera, gelato, cioccolato fino al sangue. Spesso le più difficili da rimuovere, ma alle quali si può porre fine con alcuni trucchetti casalinghi. Per togliere l’erba dagli abiti c’è chi consiglia il latte freddo, chi il limone e il sale e un’asciugatura al sole. Ma anche l’alcool puro oppure una strofinata con il burro, per poi consentire al tutto di asciugarsi sotto i raggi del sole prima di buttare i capi in lavatrice. Invece per le macchie di fango vi basterà lasciare seccare il tutto, quindi spazzolare con cura. Nel caso fossero recidive le nonne consigliavano un po’ di aceto da fare agire per 5 minuti, quindi un giro di lavatrice.

Per quanto riguarda le macchie di grasso l’ideale è quello di applicare subito borotalco o lievito, lasciare assorbire e spazzolare. Oppure una soluzione composta da quattro cucchiai di alcool con un cucchiaio di sale, lasciate sciogliere questo ultimo quindi frizionate la macchia con una spugnetta intrisa del liquido. Per togliere caffè e tè versate sulla macchia del bicarbonato, quindi passate con dell’acqua calda. Se invece la macchia è ostica strofinatela con del sapone di Marsiglia appena umido oppure con dell’acqua tiepida a cui dovrete aggiungere del tuorlo d’uovo. Lasciate agire con calma, e risciacquate con acqua tiepida.

Per togliere il cioccolato vi basterà un po’ d’acqua fredda, invece se la macchie è secca raschiatela e inumiditela con acqua sempre fredda. Che potrete utilizzare anche per le macchie di gelato, immergendo il capo in una bacinella e strofinando con sapone di Marsiglia. Per eliminare il sangue dai vestiti, in caso di tagli e piccole ferite, utilizzate acqua e giaccio quindi sciacquate dopo due ore con sapone e acqua. Per togliere la cera dai tessuti appoggiate sopra e sotto la macchia della carta assorbente quindi passate con il ferro da stiro caldo, ripetete fino a quando non sparirà.

Infine per togliere il rossetto dalle camicie strofinate la parte con aceto, per 10 minuti, poi risciacquate. Per la ruggine e l’inchiostro agite con qualche goccia di limone, lasciate agire e lavate normalmente. E per ultima la macchia d’uovo da eliminare con un po’ d’acqua fredda, nel caso fosse molto vecchia utilizzate acqua e candeggina oppure acqua ossigenata.

21 dicembre 2012
Lascia un commento