L’AIAB sceglie un decalogo per parlare di sostenibilità agricola al prossimo governo. Ormai prossima la data del voto, l’Associazione Italiana Agricoltura Biologica invia un messaggio diretto a tutte le componenti politiche. L’invito è quello di occuparsi durante la legislatura che verrà di alcuni temi di ambientali considerati irrinunciabili.

AIAB sembra puntare in un certo senso a colmare parte di quel grande vuoto che si è evidenziato nell’attuale campagna elettorale. L’assenza nei programmi dei maggiori schieramenti politici di tematiche ambientali, una lacuna che ormai desta evidente preoccupazione nel mondo ambientalista. Agricolutra biologica, OGM e consumo del suolo alcuni dei temi sui quali l’AIAB punta con decisione. Questi i temi inseriti nel Decalogo AIAB per la XVII Legislatura:

  1. Interventi legislativi e nel quadro della Legge di Stabilità per portare il biologico al 20% di Superficie Agricola Utile al 2018, con verifica a fine legislatura;
  2. Sottoscrizione di un disegno di legge per aumentare almeno al 50% gli Acquisti Pubblici Verdi (inclusa ristorazione collettiva), con verifica a metà mandato;
  3. Varo urgente della clausola di salvaguardia su coltivazione OGM, con verifica prevista dopo 100 giorni;
  4. Determinazione di strumenti legislativi e finanziari per conseguire l’obiettivo del 100% di agricoltura biologica nelle aree Natura 2000, verifica a metà mandato;
  5. Impulso parlamentare per il ripristino della dotazione finanziaria del fondo originato dal dita dei pesticidi a vantaggio della ricerca biologica, da verificare a fine 2013;
  6. Approvazione di una legge nazionale per la promozione dell’agricoltura sociale e di nuovi modelli di welfare partecipativo, verifica a metà mandato;
  7. Lotta al consumo di suolo e promozione dell’occupazione giovanile nelle campagne, verifica al termine della legislatura;
  8. Gestione del verde pubblico con i metodi del biologico, a tutela della salute dei cittadini, verifica a metà mandato;
  9. Promozione di un disegno di legge volto a dare vita a iniziative di realizzazione della Sovranità Alimentare in Italia, verifica a metà mandato;
  10. Definizione di una delega a Sottosegretario Mipaaf su Biologico e Sovranità Alimentare e costituzione di intergruppo parlamentare bio, verifica a 100 giorni.

22 gennaio 2013
Lascia un commento