Sono entrati in vigore lo scorso 20 dicembre nei paesi dell’Unione Europea i nuovi regolamenti che stabiliscono le caratteristiche secondo le quali vanno applicate le nuove etichette energetiche per tutti gli elettrodomestici d’uso comune come frigoriferi, televisori, lavastoviglie, congelatori e vari altri.

A ricordarlo con un apposito comunicato è l’ENEA, che spiega come, grazie alle nuove direttive, la etichette energetiche diventano adesso più accurate e precise, con lo scopo di fornire al consumatore un numero maggiore di informazioni per potersi meglio orientare nell’acquisto di un nuovo apparecchio.

L’etichettatura, che proprio dallo scorso maggio è stata allargata anche a tutti i prodotti che comportano il consumo di energia pur non consumandola direttamente essi stessi, guadagna tre nuove classi di prodotto che si vanno aggiungere alla classe A: le classi A+, A++ e A+++.

La nuova etichettatura dovrà essere resa effettiva a partire da 12 mesi dall’entrata in vigore dei nuovi regolamenti, quindi dal prossimo 20 dicembre, anche se il suo utilizzo è consentito fin da subito a quei costruttori che volontariamente vorranno usare le nuove etichette per i propri prodotti immessi sul mercato, con l’unica imposizione di non poter indicare, in un primo tempo, più di sette classi energetiche.

Per quanto riguarda il sistema dei colori, la scala va dal verde scuro indicante i prodotti energeticamente più efficienti, fino a giungere al rosso utilizzato per indicare quelli che richiedono un maggior consumo di energia.

3 febbraio 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
maria, lunedì 21 febbraio 2011 alle16:59 ha scritto: rispondi »

@ziomaul il motivo lo conoscevo già ma volevo sottolineare che parecchia gente preferisce (o e costretta) risparmiare subito. Le aziende ,credo, abbassano i prezzi dei prodotti che hanno già in magazzino e con tecnologia meno avanzata

Guido, mercoledì 9 febbraio 2011 alle11:20 ha scritto: rispondi »

Spero abbiano tenuto conto per questa etichettatura anche del consumo in stand by, che non è trascurabile. In casa prima di mettere interruttori dove ho potuto, avevo 36 watt! Come due lampadine a basso consumo, accese 24 ore su 24. E purtroppo a certi elettrodomestici (frigorifero, congelatore, caldaia...) l'interruttore non si può mettere.

ziomaul, venerdì 4 febbraio 2011 alle4:04 ha scritto: rispondi »

Bé adesso cara maria@ saprai un valido motivo perchè si paga di più. Ciao

maria, giovedì 3 febbraio 2011 alle10:34 ha scritto: rispondi »

Ho sempre avuto il dubbio che questo tipo di etichetta serva anche a gonfiare il prezzo.Perlomeno, quando si è difronte alla scelta di un nuovo elettrodomestico,accanto alla etichetta c'è il prezzo che spesso molto più alto di quelli non A o con meno "+" aggiunti alla A.

Lascia un commento