Elefanti e tigri sono responsabili del decesso di una persona al giorno in India. Un problema crescente, non dovuto a un’immotivata aggressività di queste specie animali, bensì dalle questioni rimaste aperte dalla recente e massiccia urbanizzazione del Paese. Gli habitat naturali si riducono sensibilmente, tanto che la fauna selvatica è spesso costretta a vivere fianco a fianco a traffico e aree densamente popolate, una condizione che causerebbe estremo stress. Fino a sfociare in episodi purtroppo letali.

Secondo i dati resi noti dal locale ministero dell’agricoltura, 1.144 persone sono state uccise da un attacco animale dall’aprile del 2014 al maggio del 2017. Nello stesso periodo, 345 tigri e 84 elefanti sono stati colpiti dai bracconieri, mentre decine di leopardi verrebbero cacciati ogni giorno.

=> Scopri l’ambulanza per mucche in India


Stando ai dati raccolti, i grandi pachidermi sarebbero responsabili di ben 1.052 decessi, mentre le tigri hanno causato 92 morti. Le autorità locali hanno quindi deciso di avviare una campagna di sensibilizzazione affinché si possa ridurre il numero delle vittime, istruendo la popolazione a una convivenza più attenta con le specie selvatiche, sebbene il problema difficilmente potrà essere risolto senza piani precisi più un’urbanizzazione più sostenibile.

Per gli elefanti, in particolare, pare che numerosi borghi e villaggi siano sorti sui corridoi naturali che, da secoli, i pachidermi sfrutterebbero per le loro migrazioni. La modifica del territorio, così come la presenza umana, avrebbe quindi generato stress: non riconoscendo i percorsi abituali, e non trovando la corretta via per spostarsi, gli elefanti perderebbero la loro solita tranquillità. Si registrano casi di persone fatte cadere dai loro scooter, altri calpestati, altri ancora braccati all’interno delle loro abitazioni.

=> Scopri i leoni sotto processo in India


L’India ospita circa 30.000 elefanti e 2.226 tigri, circa la metà dell’intera popolazione mondiale di questi straordinari felini. L’obiettivo a livello governativo, di conseguenza, non è solo proteggere la popolazione, ma salvare anche questi esemplari rari dall’azione dell’uomo: è capitato, infatti, che interi branchi venissero colpiti dagli stessi abitanti, a seguito di attacchi.

1 agosto 2017
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento