In India gli elefanti possono contare sul supporto della popolazione locale per contrastare il freddo, grazie all’abilità di alcune donne che amano sferruzzare a maglia. Il centro Wildlife SOS, un luogo di supporto e cura per gli esemplari vittime di maltrattamento, ha trovato piena collaborazione dalla cittadinanza di Mathura. Molte figure femminili del posto hanno creato personalmente coperte coloratissime, tubolari di lana vivaci, da comporre insieme per realizzare singolarissimi pigiami dal formato maxi. Un’idea divertente per coprire questi grandi e intelligenti elefanti, così da proteggerli dall’ondata di freddo e gelo presente in questo periodo dell’anno. Le temperature vicine allo zero hanno convinto lo staff della struttura a correre ai ripari, trovano aiuto dalla popolazione locale.

Il cento di conservazione e cura accoglie esemplari vittime di abusi e sofferenze, reduci da una vita trascorsa all’interno di un circo oppure obbligati alla reclusione forzata. Animali che hanno passato la loro esistenza a trasportare turisti, oppure picchiati e maltrattati per imparare a chiedere l’elemosina per strada, quindi obiettivi del bracconaggio o del contrabbando. Esemplari che un’esistenza fatta di abusi ha piegato, rendendo il loro animo e il loro corpo più fragili. Per questo preservarne la salute è di vitale importanza, coprirli dal freddo e dal gelo per tener a bada l’artrite e le malattie polmonari.

=> Scopri il primo santuario per gli elefanti


Kartick Satyanarayan, capo e fondatore della struttura, lavora da tempo perché questi enormi esemplari dal cuore sensibile possano trovare conforto e amore presso il centro. Per il momento il Wildlife SOS ospita venti pachidermi, ma il prossimo obiettivo sarà quello di ampliare l’accoglienza ad altri cinquanta elefanti. Un progetto importante che prevede l’ampliamento strutturale del rifugio, per assicurare maggiore agio agli ospiti. Per il momento gli elefanti presenti possono sfoggiare maxi coperte colorate e coprizampa dai toni allegri: la costanza delle donne indiane e la bellezza dei capi ottenuti è un vero dono per questi poderosi e saggi animali.

23 gennaio 2017
Lascia un commento