Un incredibile storia di amore e fiducia, quella che lega l’elefante Thoma al centro di soccorso David Sheldrick Wildlife Trust. L’animale, di sesso femminile, ha vissuto un momento di forte sofferenza fisica ed emotiva, ma questo è accaduto circa quindici anni fa, quando la piccola aveva solo due mesi. Thoma era stata recuperata ormai inerme e in stato comatoso all’interno di una gabbia. Salvata nella zona centrale del Kenya, viveva con il suo branco, in una condizione di forte disagio e alienazione. L’ingerenza umana aveva ridotto drasticamente gli spazi selvaggi dedicati al pascolo, così gli elefanti avevano finito per nascondersi. Unica possibilità la ricerca di cibo notturno, al sicuro delle tenebre e del buio. Ma questa situazione aveva influito sulla sopravvivenza degli esemplari, in particolare dei più piccoli ormai stremati.

La piccola Thoma, accolta presso l’orfanotrofio per elefanti del DSWT, era traumatizzata e terrorizzata dalla presenza umana. Ma lo staff ha lavorato sodo e con costanza, per permetterle un recupero fisico e psicologico. Dopo pochi anni di permanenza, l’esemplare ha ritrovato l’equilibrio perso, ma anche la forza fisica, quindi la capacità per rientrare nel suo habitat naturale. Nonostante la separazione forzata e il richiamo della foresta, Thoma non ha mai dimenticato la sua famiglia umana e le persone che l’hanno riportata alla vita. E così, dopo circa quindici anni, l’elefante femmina ha fatto nuovamente visita al centro accompagnata da qualcuno di molto speciale.

=> Scopri tutto sugli elefanti


Ormai madre Thoma, ha voluto presentare il suo piccolo allo staff che l’aveva tanto amata, rimanendo nei paraggi dell’orfanotrofio per alcune settimane. Il cucciolo, il ventitreesimo nato all’interno della riserva naturale, segna un’ulteriore vittoria per il grande lavoro portato avanti dalla struttura. Ribattezzato Thor, ha conquistato i cuori di tutti i presenti, mentre la madre ha permesso al personale di avvicinarlo e di coccolarlo. Una piccola magia nata da un grande miracolo – due vite, due presenze – grazie al lavoro costante e presente del DSWT.

9 novembre 2016
Fonte:
Lascia un commento