La Spagna sta per conquistare un primato mondiale grazie all’isola di El Hierro, appartenente all’arcipelago delle Canarie. El Hierro sarà infatti la prima isola alimentata al 100% da energia eolica.

L’isola, la più piccola delle Canarie, si trova al largo delle coste africane e da tempo ha avviato una massiccia conversione alle energie rinnovabili.

Nell’area nord-orientale dell’isola sono state costruite 5 nuove turbine eoliche con una capacità totale di 11,5 megawatts, più che sufficienti a rifornire di energia i 10 mila abitanti che popolano il territorio insulare. Per sopperire alla mancanza di energia quando non soffia abbastanza vento, gli ingegneri di El Hierro hanno studiato una strategia molto efficace che non necessita di costose batterie e depositi di stoccaggio.

Quando il vento soffia più forte, l’energia in eccesso viene utilizzata per pompare acqua da una riserva a valle a un’altra riserva posizionata in alto, vicino al cratere di un vulcano. Quando l’energia generata dal vento è insufficiente, basta aprire le valvole e far defluire l’acqua accumulata nella riserva a monte verso il basso.

L’energia cinetica del flusso di acqua, spostato dalla semplice forza di gravità, viene convertita in energia elettrica pulita e rinnovabile.

Con questo sistema energetico integrato l’isola taglierà le emissioni di CO2 di 18.700 tonnellate all’anno, diminuendo la sua dipendenza energetica dai fossili. El Hierro consuma infatti ogni anno 40 mila barili di petrolio per far fronte al fabbisogno energetico interno. La centrale fossile verrà mantenuta solo per le emergenze.

Il progetto decollerà già in estate, con la speranza che presto altre isole prendano esempio da El Hierro. Le isole, soprattutto quelle di superficie ridotta, sono le candidate ideali per l’autosufficienza energetica, sia perché l’energia importata costa molto, per via della distanza dalla terraferma, sia perché sono ben esposte a Sole e vento e dispongono dell’energia del moto ondoso. L’autoproduzione di energia sulle isole è dunque necessaria oltre che conveniente.

7 maggio 2014
Fonte:
Lascia un commento