Ulrich Santa è il nuovo direttore dell’Agenzia CasaClima e succede a Norbert Lantschner, che ha fondato ClimAbita.

Abbiamo incontrato Santa alla presentazione della nuova edizione della fiera KlimaHaus e gli abbiamo chiesto che cosa è cambiato nell’agenzia con l’avvicendamento dei direttori.

Posso dire che cosa ho in comune con Lantschner, invece di soffermarmi sulle differenze. Condividiamo la stessa visione della sostenibilità edilizia. Si tratta solo di una riorganizzazione interna all’agenzia CasaClima, il modo di operare non cambia.

Quali le novità che presenterete alla fiera KlimaHaus?

Siamo fieri di aver certificato la prima cantina vinicola. Si tratta della tenuta Pfitscher a Montagna che ha adottato una serie di buone pratiche non solo nelle caratteristiche energetiche dell’edificio, ma anche nella gestione di tutto il processo di vinificazione. Abbiamo controllato parametri come uso di materie prime, energia, gestione dei rifiuti, imballaggi, comfort del personale e dei visitatori ecc. Il vino è un prodotto apripista, contiamo di estendere la certificazione anche ad altri settori merceologici.

Come sta evolvendo il settore della certificazione energetica?

Stiamo integrando nel nostro modello i problemi del raffrescamento estivo. Negli ultimi anni la richiesta energetica domestica è cresciuta di molto nei momenti caldi dell’anno e se vogliamo case che consumino poco, non possiamo limitarci a tenerle calde d’inverno. Lavorare sull’impiantistica e sugli approvvigionamenti energetici da fonti rinnovabili può migliorare di molto le performance energetiche di un edificio.

Molti privati si scontrano con l’opposizione di qualche condomino a ristrutturazioni onerose. Che cosa proponete a chi abita in una vecchia casa inefficiente dal punto di vista energetico?

Oltre a progettare bene da zero, dobbiamo guardare al risanamento energetico delle abitazioni esistenti, che costituiscono la maggior parte delle case abitate. Stiamo lavorando a CasaClima-R, un protocollo calibrato sulle ristrutturazioni di singoli appartamenti.

Bene, grazie e arrivederci a KlimaHaus a gennaio 2013.

14 settembre 2012
Lascia un commento