Tempo di vacanze, tempo di ecoturismo e di nuove idee per mete “alternative”. Per l’occasione, come ogni anno, quasi tutte le gradi associazioni ambientaliste organizzano campeggi e campi di lavoro estivi in Italia e nel mondo.

Iniziamo con la LAV (Lega Anti-Vivisezione) che propone Scarpinando e zampettando 2011, nello splendido Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi. La proposta, una tra le più “easy” e rilassanti fra quelle disponibili, consiste:

in una settimana di relax in montagna all’insegna della varietà, con escursioni, gite e visite in luoghi significativi della natura dolomitica, ma anche attività distensive e allegre, come la biodanza e i balli popolari con musica live. Non mancheranno la lezione di difesa personale, l’osservazione del cielo stellato e il corso di cucina vegan. E i momenti informativi sui cosmetici non testati su animali, su come rapportarti con il tuo amico a quattro zampe e sul meraviglioso mondo delle piante.

I periodi interessati sono la settimana fra il 25 giugno e il 2 Luglio e quella fra il 27 agosto e il 3 Settembre.

Più orientato ai giovani il programma del WWF, che propone campi per ragazzi di elementari e medie e campi per studenti delle superiori. Si tratta di campi avventura in cui vengono sperimentati metodi pedagogici diversi da quelli standard, cercando di sviluppare la cooperatività al posto della competitività:

I campi avventura sono i programmi di vacanze naturalistiche più noti nel nostro Paese: ogni anno infatti, sono tantissimi i ragazzi che decidono di trascorrere una decina di giorni, durante il periodo delle vacanze estive, all’insegna della scoperta della natura.

Le attività nei campi si ispirano a un metodo pedagogico che non ha nulla a che vedere con i metodi scolastici: giochi, attività e laboratori creativi, sempre tenendo conto della voglia di scoprire, giocare e divertirsi anche dei più piccoli.

Le escursioni in mountain bike o in canoa, a piedi o a cavallo, le esplorazioni dei fondali mediterranei con maschera e pinne, il dolce veleggiare sulle acque dei laghi o dei mari imparando a manovrare le vele…sono solo alcune delle attività da vivere all’insegna dello stare insieme ed esplorare il mondo naturale.

Niente gare, niente competizioni…ma un vero gusto di avvicinarsi alla natura in punta di piedi, o in punta di zoccolo, o in punta di ruota…

Per i più grandi, il WWF propone anche i campi di volontariato per le tartarughe marine nelle splendide sedi di Lampedusa, Siculiana (Sicilia), Palizzi (Calabria) e Policoro (Basilicata).

Anche Legambiente offre delle possibilità interessanti. Si tratti di veri e propri campi di lavoro, dove fare attivamente volontariato nelle varie “campagne” dell’associazione. Le mete e le attività possibili sono davvero svariate:

Tra le mete di questa estate: Alicudi (Me), Favignana (Tp), Venezia, il Salento, Asinara (Ss), San Rossore (Pi), Pollica (Sa), Paestum (Sa), la Carnia (Ud), Dolomiti Bellunesi, Castelnuovo del Garda (Vr), la Valle Spluga (So), l’Area Marina Protetta del Plemmirio (Sr) e tanto altro.

Non vanno dimenticate, infine, le centinaia di campi all’estero in tutta Europa (Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finalndia, Francia, Galles, Germania, Grecia, Islanda, Lituania, Montenegro, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Serbia, Slovacchia, Spagna, Ucraina), in Sud e Nord America (Argentina, Canada, Messico, Stati Uniti), in Asia (Armenia, Corea del Sud, Giappone, India, Indonesia, Russia, Turchia, Vietnam) e Africa (Kenya, Marocco). Si tratta di campi di volontariato che vengono organizzati in sinergia con 90 associazioni di 60 Paesi diversi e che hanno l’obiettivo di realizzare concretamente progetti di tutela e sostenibilità ambientale in tutto il mondo.

Anche nel caso di Legambiente, sono disponibili varie mete a seconda dell’età degli interessati. Si va dai campi per adulti ai campi famiglia (per i bambini), passando per quelli under 18.

L’opportunità di una vacanza del genere è secondo noi davvero ghiotta. Solo chi ha provato esperienze simili, può raccontare come siano capaci di essere nello stesso tempo un motivo di crescita personale e un’occasione per “staccare la spina” eccezionale. Fra tutte le idee per l’ecoturismo, queste sono tra quelle in assoluto preferibili.

26 maggio 2011
In questa pagina si parla di:
Lav | wwf
I vostri commenti
Ecoturismo: proposte LAV, WWF e Legambiente per il 2011- Rivistaeuropea, venerdì 27 maggio 2011 alle2:32 ha scritto: rispondi »

[...] Vai alla fonte Condividi questo post: [...]

Lascia un commento