È una sentenza storica quella del Giudice di Pace della Settima Sezione di Milano Mario Piscitello, in merito a un ricorso inoltrato da un automobilista multato nell’aprile 2008 per aver effettuato l’accesso nella ZTL di Piazza della Conciliazione senza averne l’autorizzazione.

Ciò che la rende particolarmente interessante non è il fatto che la vertenza si sia conclusa con il riconoscimento della ragione per l’autista, ma piuttosto il motivo che ha portato il Giudice a tale conclusione: secondo Piscitello, l’Ecopass è illegittimo per eccesso di potere nelle delibere del Comune che determinano ingiustificate disparità di trattamento tra i proprietari di veicoli a motore.

Secondo l’amministrazione del capoluogo meneghino, infatti, gli automobilisti sono tenuti a pagare una tassa per l’accesso alla città, il cui valore viene determinato in base a fattori come tipologia del veicolo e presunto inquinamento generato, distinzione tra giorni feriali o festivi e differenti fasce orarie. In questo modo si verrebbe a creare una disparità di trattamento, derivante proprio da un eccesso di potere nelle delibere del Comune.

In sintesi, l’inquinamento provocato dal transito di un mezzo non varia a seconda del giorno o dell’ora e per questo motivo non è giustificabile il sottoporre i cittadini a un differente trattamento per l’accesso alle ZTL, soprattutto in considerazione del fatto che per alcuni veicoli, anch’essi inquinanti, non è previsto nemmeno il pagamento della tariffa più bassa, pari a ? 2,00 quotidiani.

La sentenza, che di certo non mancherà di riaprire il dibattito sul già tanto discusso Ecopass, non è comunque vincolante per le decisioni degli altri Giudici di Pace.

18 marzo 2010
Lascia un commento