Economia circolare: FISE UNIRE diventa FISE UNICIRCULAR

FISE UNIRE diventa FISE UNICIRCULAR. L’associazione ha operato questo cambiamento nell’ottica di un segnale forte riguardo quelli che sono gli obiettivi sociali ovvero rappresentare, attraverso l’Unione delle Imprese dell’Economia Circolare, imprese e associazioni di imprese, sostenendole nel loro percorso verso istituzioni, stakeholder e mercato.

FISE UNICIRCULAR che prende vita alla vigilia dell’approvazione definitiva del nuovo pacchetto di direttive relative a rifiuticircular economy. Un’opportunità che dovrà essere sfruttata al meglio dalle aziende, che potranno così contare su una rappresentanza forte e ampia, riferisce la stessa associazione in un comunicato. Un soggetto chiamato a dialogare “in modo serio e credibile con l’opinione pubblica e con i decisori politici”, siano essi europei, nazionali o locali.

=> Leggi di più sull’intesa Remedia e NetComm per l’economia circolare

Scopo finale dell’azione comune sarà la definizione di nuove norme, da recepire poi all’interno delle legislazioni nazionali, come End of Waste, EPR (responsabilità estesa del produttore), Ecodesign e Green Procurement.

=> Leggi di più sul pacchetto UE 2017 per l’economia circolare

Primo appuntamento per la neo nata sigla associativa il Convegno “Circular Economy: le Direttive europee appena approvate”, organizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile previsto per oggi 2 febbraio 2018. Tra i relatori del convegno il presidente FISE UNICIRCULAR Andrea Fluttero che annuncia, con il supporto dei Presidenti delle Associazioni aderenti:

UNICIRCULAR nasce in continuità con UNIRE: con questa svolta tuttavia intendiamo riflettere un cambio di prospettiva della nostra associazione, che vuole diventare sempre di più un punto di riferimento per tutte le imprese interessate al modello dell’economia circolare, il paradigma economico e culturale basato sulle tre “R”: ridurre, riusare e riciclare.

Una prospettiva che, per le imprese, significa anzitutto cogliere opportunità legate a nuovi modelli di business, che possono assicurare vantaggi economici, ambientali e occupazionali, e l’ingresso in nuovi mercati nei quali la sostenibilità rappresenta un valore competitivo.

2 febbraio 2018
Immagini:
Lascia un commento