Ecomondo non è più solo una fiera dedicata all’ambiente, ma un appuntamento per tutta l’economia italiana. A sostenerlo è il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, intervenuto in occasione dell’inaugurazione degli Stati Generali della Green Economy, avvenuta stamattina presso i padiglioni di RiminiFiera.

=> Leggi le 10 proposte dagli Stati Generali della Green Economy a Ecomondo

L’appuntamento con Ecomondo 2017 rappresenta quindi, secondo Galletti, un momento in cui l’economia italiana si confronta su temi che rappresentano un fattore di crescita e sviluppo. Come ha dichiarato lo stesso ministro dell’Ambiente:

Ecomondo non è più soltanto la fiera dell’ambiente, ma l’appuntamento leader dell’economia italiana. Perché negli anni è cresciuta, fino a diventare una delle fiere più importanti nel campo dell’economia, non solo green.

Qui trattiamo quella parte dell’economia che rappresenta il futuro della crescita italiana e globale. Dobbiamo crescere ancora di più e guardare all’estero, e vorrei che Ecomondo diventasse la fiera dell’economia più importante al mondo. Sono convinto sia un obiettivo alla nostra portata, visti i risultati ottenuti sino ad oggi.

=> Scopri le novità presentate da ENEA a Ecomondo 2017

Presente al taglio del nastro anche l’assessore al Bilancio della Regione Emilia-Romagna, Emma Petitti, il sindaco e presidente della Provincia di Rimini, Andrea Gnassi e il presidente di Italian Exhibition Group (la società organizzatrice della kermesse, nata dall’integrazione tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza), Lorenzo Cagnoni, che ha dichiarato:

Ecomondo si unisce a Key Energy e a al salone dei veicoli ecologici Sal.ve. E continua a crescere ogni anno e a produrre innovazione, basti pensare a Key Solar, il nuovo settore espositivo sul fotovoltaico, alla Città Sostenibile con H2R. Auguro pieno successo di business alle oltre 1.200 aziende presenti qui in fiera, che attendono oltre 100.000 visitatori professionali provenienti da circa 60 Paesi diversi. Il quartiere fieristico è interamente occupato dalla manifestazione e negli anni a venire dovremo pensare a creare nuovi spazi espositivi.

7 novembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento