Mancano ancora quasi sei mesi all’apertura di Key Energy, evento organizzato da Italian Exhibition Group e interamente dedicato al settore dell’energia, che andrà in scena dal 7 al 10 novembre 2017 presso l’Expo Centre di RiminiFiera. Come già sottolineato all’inizio di marzo, quest’anno durante la kermesse si tornerà a parlare di solare, con le aree Key Solar e Key Storage.

=> Scopri quali sono le novità più attese per Key Energy 2017

Sarà l’occasione perfetta per analizzare nel dettaglio quanto stabilito all’interno della nuova Strategia Energetica Nazionale, che in alcuni passaggi mira proprio a favorire la produzione di energia pulita tramite impianti fotovoltaici e l’autoconsumo, anche mediante il salvataggio di quanto generato all’interno di batterie per l’accumulo. Una prospettiva che interessa non solo l’ambito residenziale, ma anche le realtà professionali, in particolare le piccole e medie imprese.

=> Leggi le anticipazioni su Ecomondo 2017 e Key Energy

Gianni Silvestrini, presidente del Comitato Scientifico di Key Energy, ha sottolineato come la SEN presentata in Parlamento dal ministro Calenda miri a raggiungere gli obiettivi fissati per il 2030, incentivando lo sfruttamento delle fonti rinnovabili con ovvi benefici in termini climatici e di tutela dell’ambiente. Per tagliare il traguardo in tempo sarà necessario moltiplicare gli sforzi, incrementando notevolmente la potenza installata, con riferimento a fotovoltaico ed eolico, su base annuale. Queste le parole di Silvestrini:

La necessità è superare alcuni vincoli che impediscono la possibilità di attuare soluzioni che in altri Paesi si stanno già esplorando. Penso che questa tecnologia sarà centrale nel raggiungimento degli obiettivi del 2030 e avrà un ritorno di interesse già nel 2017, con dati fondati sugli economics e non sugli incentivi.

Tra gli eventi in programma anche appuntamenti indirizzati proprio a far chiarezza su come affiancare e integrare le due tecnologie, il fotovoltaico e i sistemi di accumulo: sarà il caso del panel “Aggregare gli impianti, la nuova frontiera del fotovoltaico e accumulo” curato da Giovanni Battista Zorzoli, presidente del Coordinamento FREE. Roberto Vigotti, presidente di RES4MED (Renewable Energy Solutions For The Mediterranean), interverrà invece per offrire una fotografia di respiro internazionale sul tema.

Altre aree tematiche ospitate da Key Energy saranno Key Efficiency che punterà l’attenzione sulle soluzioni dedicati a uno sfruttamento intelligente e razionale delle risorse, nonché Key Wind che porrà invece il focus sull’eolico.

16 maggio 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
I vostri commenti
Pescespada Trafitto, giovedì 18 maggio 2017 alle19:55 ha scritto: rispondi »

A leggere quanto anticipato, sarà l'occasione perfetta par dare fiato alle trombe dell'accumulo residenziale e spinte alla bottega della batteria! Il punto non è l'autoconsumo che è e rimane uguale batteria o no. La gente installa la batteria per sottrarsi alla pratica vessatoria dello scambio sul posto: costi quel che costa. La pratica impiantistica della batteria residenziale è un'offesa ai più elementari principi della fisica: mandare ad accumulo energia che in tempo reale può essere utilizzata fuori dal contatore a chilometro zero è demenziale. Compensare la discontinuità a breve termine della produzione della rete è il vero problema, insieme alla necessità di ottimizzare la curva di carico: si fa installando la batteria nella cabina elettrica di zona. Installare impianti di accumulo nelle cabine è adeguamento della rete di distribuzione alla presenza della produzione distribuita e la rete costituisce strumento di scambio di energia. Non è difficile pensare a strumenti tariffari e contributi a contropartita del diritto a "conservare" per qualche ora l'eccedenza di produzione del proprio impianto e prelevarla in differita. Ma il distributore se ne frega e si occupati altro: cambia contatori lancia divisioni per smart grid, generazione distribuita e domotica. SDC, mercati e mercatini dei servizi di rete sono mistificazioni che servono solo a generare costi, traffici e stipendi. Queste cose gente come Gianni Silvestri le sanno bene, ma preferiscono le ammucchiate Key Solar e Key Storage, rendono di più, al diavolo l'efficienza e la FISICA!

Lascia un commento