Un museo del riciclo in un sito Web. L’idea appartiene ad Ecolight, Consorzio nazionale, nato nel 2004, per garantire gestione, raccolta, recupero e smaltimento dei RAEE (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche).

In questo spazio virtuale saranno esposti e presentati diversi lavori di artisti o creativi che riciclano i rifiuti per comporre le loro produzioni. Un modo inconsueto per promuovere e diffondere una maggiore sensibilità sui temi ambientali.

Il riciclaggio è infatti una delle attività chiave previste dalla normativa europea che serve a contrastare spreco di materiali e consumo irresponsabile di risorse.

Il portale, diviso in cinque sezioni, dispone di una dote iniziale di circa un centinaio di opere, tra quadri, oggetti decorativi ecc., realizzate da una trentina di artisti.

In evidenza, questo mese, è “Lucetrice” di Camillo Fiore, un’istallazione frutto del riciclo di schede elettroniche delle lavatrici con cui l’autore è stato in grado di vincere la prima edizione del concorso “Rifiuti in cerca d’autore” promosso da Salerno in Arte, nella sezione Design.

11 febbraio 2010
Lascia un commento