Per risollevare le proprie vendite sul mercato, il gruppo Fiat ha deciso di anticipare il piano degli incentivi per le auto a basse emissioni. Il costruttore del Lingotto ha quindi annunciato una propria iniziativa che durerà tutto il mese di marzo e riguarderà tutti i modelli alimentati a GPL e a metano dei marchi Fiat, Alfa Romeo e Lancia. Va però ricordato che mancando delle vetture elettriche e ibride nei listini Fiat, l’iniziativa taglia fuori chi è interessato a passare a una di queste due tecnologie di propulsione.

>> Leggi come richiedere gli Ecoincentivi 2013

Il contributo erogato da FIAT è accessibile sia ai privati che alle aziende anche senza l’obbligo di rottamazione di un veicolo vecchio e, a differenza di quanto accade con gli ecoicentivi governativi, non ha un tetto limite per quanto riguarda la disponibilità delle risorse a disposizione. Questo significa che non c’è un numero massimo di vetture che avranno diritto ad accedere ai fondi.

Le uniche due fasce di modelli individuate sono comprese tra i veicoli che emettono tra i 95 e i 120 g/km di CO2 e quelli che superano la soglia dei 120 g/km. Grazie a questa iniziativa, FIAT spiega che una Lancia Ypsilon Ecochic Metano vedrà una riduzione di prezzo di 3.000 euro più IVA, mentre una Fiat 500L TwinAir Turbo Natural Power da 80 cavalli beneficerà di uno sconto sul prezzo di listino ufficiali di 2.000 euro più IVA. I bonus arrivano fino a un massimo di 5.000 euro, come ad esempio avviene per l’acquisto di una Lancia Delta Ecochic GPL 1.4.

L’iniziativa di FIAT non è cumulabile con gli incentivi statali e si pone quindi come alternativa a essi per tutti i clienti che sceglieranno una vettura del gruppo italiano di qualunque categoria, compresi ovviamente i veicoli commerciali che compongono la gamma Fiat Professional. Da notare infine che la promozione non esclude l’accesso al finanziamento agevolato con TAN zero, dando modo a chi sceglie questo tipo di formula un ulteriore vantaggio al momento dell’acquisto.

1 marzo 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento