Le richieste di stabilizzazione dell’ecobonus, avanzate a gran voce dalle associazioni di settore e dagli ambientalisti negli ultimi anni sono state finalmente accolte dal Governo Renzi. Nella manovra Finanziaria 2017 l’esecutivo ha mantenuto le promesse fatte quest’estate stabilizzando fino al 2021 le detrazioni fiscali del 65% per l’efficienza energetica.

=> Leggi le norme sull’ecobonus per le coppie di fatto

La decisione è stata presa lo scorso venerdì nel corso del Consiglio dei Ministri, indetto per approvare il disegno di legge di Bilancio dello Stato per il 2017 e per il triennio 2017-2019. Il Governo ha stanziato 3 miliardi di euro per le detrazioni Irpef, da erogare nei prossimi 3 anni per coprire gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici e le ristrutturazioni edilizie.

A differenza delle precedenti proroghe di un anno questa volta la stabilizzazione coprirà ben 5 anni, permettendo finalmente alla filiera dell’efficienza energetica di crescere e di programmare più facilmente gli investimenti. Il Governo ha inoltre deciso di estendere l’ecobonus agli alberghi per ampliare la platea dei beneficiari. Un’importante novità riguarda le detrazioni Irpef riservate ai condomini. Gli interventi sugli involucri degli edifici condominiali potranno usufruire di una detrazione superiore, pari al 70% delle spese sostenute.

=> Scopri i vantaggi dell’isolamento a cappotto per i condomini

Per poter accedere alla nuova agevolazione sarà necessario programmare interventi su oltre il 25% della superficie disperdente lorda dello stabile. I condomini che certificheranno il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio potranno usufruire di un ecobonus del 75%. Il tetto di spesa massima è fissato a 40 mila euro ad appartamento.

Il Governo ha mantenuto anche un’altra promessa fatta nei mesi scorsi: concedere ai contribuenti che effettuano interventi di riqualificazione energetica la possibilità di cedere il credito fiscale alle aziende che effettuato i lavori o a soggetti terzi. In questo modo anche gli incapienti potranno effettuare i lavori usufruendo delle detrazioni fiscali. Saranno previsti controlli periodici a campione per verificare l’effettiva realizzazione degli interventi incentivati.

L’ecobonus del 50% per le ristrutturazioni sarà invece prorogato solo di un anno. Le spese massime detraibili ammontano a 96 mila euro. Il Governo ha introdotto anche un sismabonus valido fino al 2021, che permetterà di detrarre fino all’85% delle spese sostenute per adeguare gli edifici alle norme antisismiche. La spesa massima è stata fissata a 96 mila euro.

Potranno accedere alle agevolazioni sia i proprietari di prime e seconde case che le imprese, a condizione che rientrino nelle aree a maggior rischio sismico: la 1, la 2 e la 3.

Per agevolare le ristrutturazioni antisismiche il Governo ha deciso di accorciare da 10 a 5 anni i tempi di recupero nelle dichiarazioni dei redditi. Le detrazioni per gli interventi effettuati sulle parti comuni dei condomini potranno anche in questo caso essere cedute a soggetti terzi.

Nella nuova Finanziaria è stato infine riconfermato il bonus mobili. I contribuenti che hanno realizzato interventi nel 2016 e acquisteranno mobili ed elettrodomestici efficienti nel 2017 potranno usufruire delle detrazioni Irpef del 50%.

18 ottobre 2016
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
lui la plume, mercoledì 2 novembre 2016 alle10:34 ha scritto: rispondi »

Mettere il cappotto ad un palazzo è buona cosa, ottima, ma attenzione ai costi. ogni finestra, ha un suo davanzale che non và più bene, se vi sono rivestimenti vanno sostituiti, ..... ed occhio ai rischi: provate a mettere un pane in un sacchetto impermeabile, la sua umidità lo mantiene morbido ... ma favorisce la formazione di muffe, certamente vi sono dei termosifoni, se il palazzo ha 50/70 anni anche l'impianto li ha .... è vecchio ed il rischio che vi siano o che si formino delle microperdite non andrebbe sottovalutato. Vi è tempo fino al 2021 ... meglio pensare a qualcosa in più ... magari rinnovare l'impianto ....collegando i termosifoni a zona agendo esternamente all'alloggio ove possibile con tubazioni nuove coibentate per sprecare meno. I rimborsi alti colpiscono le operazioni per sprecare meno ... non i rivestimenti eleganti di bellezza..

Lascia un commento