Chi deve affrontare un viaggio in auto e soprattutto chi di solito utilizza l’automobile per lunghi tragitti deve curare la propria alimentazione, poiché è in grado di condizionare le capacità di attenzione e di concentrazione. Ecco dunque alcuni consigli su quale sia la eco-dieta ideale per gli automobilisti.

Prima di mettersi alla guida bisogna essere riposati, rilassati preferibilmente non aver mangiato troppo, ma nemmeno troppo poco. Se infatti un lungo pasto è da evitare poiché appesantisce e favorisce la sonnolenza, lo è altrettanto la carenza di nutrimento; il rischio di ipoglicemia potenzialmente derivante dal digiuno può infatti essere causa d’incidenti.

Meglio frazionare i pasti, mangiando meno e più spesso. Innanzitutto è bene fare una buona colazione, che preveda magari un bicchiere di latte, del caffè, biscotti e fette biscottate. Chi però non ama il dolce può optare per il salato, magari con un toast con prosciutto crudo e un po’ di sana frutta fresca. Attenzione però: se soffrite di mal d’aiuto è meglio evitare il latte. Scegliere in questo caso unicamente acqua naturale fresca, da bere anche durante il viaggio così da mantenersi perfettamente idratati.

Evitare sia per pranzo che per cena i pasti pesanti e ricchi di grassi, perché restano a lungo nello stomaco e provocano sonnolenza, portano a un calo dei riflessi e dell’attenzione. Per questi motivi è facilmente possibile comprendere perché non solo ideali quando si è – o ci si sta per mettere – al volante. È preferibile scegliere un primo piatto leggero oppure un secondo piatto scarso di grassi, insieme a un contorno di verdure. Gli alcolici sono proibiti.

E se si parte di pomeriggio? Sarebbe preferibile prestare attenzione al pranzo, fare un piccolo riposino (di massimo 30 minuti) e mettersi alla guida avendo cura prima di consumare uno spuntino, come un toast leggero oppure yogurt e frutta. Ciò eviterà eventuali cali glicemici. Attenzione a non abusare del caffè e bevande energizzanti, poiché se assunte in dose eccessiva possono causare iperattività e rappresentare un pericolo per chi guida.

Chi deve affrontare un viaggio serale può ricorrere agli stessi consigli, optando per pasti leggeri, consumati spesso, privi di bevande alcoliche, e con una buona quantità di acqua da portarsi anche dietro. Invece, di seguito alcuni suggerimenti per chi deve trascorrere molto tempo in auto:

  • Non mangiare per noia: intrattenetevi durante la guida con altre cose, come ad esempio l’ascolto del CD preferito, un interessante compagno di viaggio e via dicendo;
  • Occhio agli snack: c’è chi al volante ha la cattiva abitudine di mangiare qualcosa ogni tanto, come una barretta di cioccolato o delle patatine. Mangiare mentre si guida può essere però davvero pericoloso;
  • Idratarsi con acqua e stare attenti a non esagerare con la caffeina e le bevande zuccherate;
  • Il viaggio sarà lungo? Portate con voi un pasto sano da consumare non mentre si guida, ma in un’apposita area per la sosta. In questo caso bisogna assicurarsi di non escludere i carboidrati, poiché forniscono la giusta energia all’organismo.

13 novembre 2013
Fonte:
Via:
MSN
Immagini:
Lascia un commento