Ecco il baby-olinguito, nuovo mammifero scoperto in Colombia

La sua scoperta risale solamente allo scorso agosto, ma è già diventato uno degli idoli del Web: è l’olinguito, un tenero mammifero rinvenuto in Colombia. E non solo la specie è stata scoperta dopo anni di lontananza dalla vista dell’uomo, ma oggi arriva anche la prima immagine di un cucciolo nato da poco.

Il primo avvistamento dell’olinguito è avvenuto lo scorso agosto, il 15 per la precisione, presso la riserva forestare di La Mesenia. L’animale è un carnivoro, assomiglia a un ibrido tra un piccolo procione e un koala ed è il primo del suo genere a essere scoperto nel mondo occidentale da tre decadi a questa parte. Gli esemplari adulti sono lunghi all’incirca 35 centimetri e pesano circa un chilogrammo.

Di questi giorni è però l’incontro con il baby-olinguito, rinvenuto nella stessa riserva dagli esploratori di SavingSpecies. L’esemplare è grande quanto un gattino, non ha paura dell’uomo e, oltre a un dolcissimo musetto, presenta sulle zampe delle unghie arrotondate per agevolare l’arrampicata sugli alberi.

In realtà non è la prima volta che il mondo scientifico si trova ad aver a che fare con gli olinguiti, tuttavia per anni se n’è confusa sia la specie che l’origine. Con il senno di poi, si è capito come negli anni ’60 e ’70 moltissimi olinguiti siano stati ospitati dagli zoo sudamericani, scambiati però con i cugini olinghi. Questi ultimi, tuttavia, hanno dei lineamenti del muso più marcati e assomigliano più a grandi roditori che a orsetti, mentre gli olinguiti – così chiamati perché più piccoli – sembrano quasi provenire dal mondo dei cartoon. Al momento non è dato sapere quanti esemplari di olinguito siano davvero in circolazione e nemmeno se la specie sia a rischio o meno d’estinzione. Se non altro, finalmente il mondo ne conosce l’esistenza e la scienza ha potuto classificarlo: il nome ufficiale è infatti quello di Bassaricyon neblina.

4 novembre 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento