Il foie gras, il fegato d’oca o d’anatra ottenuto tramite l’ingrassamento degli esemplari, non troverà più spazio all’interno della distribuzione di Eataly. È quanto rende noto l’associazione “Essere Animali”, a seguito del lancio della campagna #ViaDagliScaffali, per un consumo alimentare più rispettoso di natura e ambiente.

Eataly si aggiunge a numerosi altri rappresentanti della grande distribuzione italiana, tutti pronti a rinunciare alla vendita di foie gras, un prodotto realizzato tramite l’allevamento intensivo di oche e anatre. La pratica, che prevede la sovralimentazione forzata dei capi, è stata definita “nociva per il benessere degli animali” dal Comitato Scientifico Veterinario dell’Unione Europea. Così riporta Simona Milvo, dell’Ufficio Stampa di Eataly, come riferisce l’associazione Essere Animali:

Riguardo al foie gras siamo in esaurimento scorte e abbiamo scelto di bloccare gli ordini.

L’associazione promotrice, la quale di recente ha realizzato un filmato per documentare le condizioni della produzione di foie gras negli allevamenti francesi, ha commentato con soddisfazione l’impegno di Eataly.

Ringraziamo Eataly per aver aderito alla campagna #ViaDagliScaffali, il loro impegno è un importante segnale contro la tortura dell’alimentazione forzata. […] Gli animali sottoposti a “gavage” sono alimentati forzatamente con un lungo tubo metallico inserito direttamente nello stomaco, questo provoca problemi respiratori, vomito, diarrea, ferite alla gola e all’esofago. Molti animali non sopravvivono a questo processo, il tasso di mortalità risulta da 10 a 20 volte più elevato rispetto a quello di animali allevati senza ingozzamento.

La Francia è il primo produttore mondiale di foie gras, pari al 70%, con una distribuzione in ogni paese del mondo. Si stima che siano 44 milioni le anatre allevate Oltremanica, molte delle quali costrette in gabbie individuali e immobilizzanti, vietate dall’Unione Europea.

Considerato uno dei 25 marchi alimentari più influenti al mondo dalla rivista Forbes, Eataly è la seconda catena che decide di cessare la vendita di foie gras, dopo la medesima decisione da parte di PAM/Panorama e, già dal 2012, di Coop. L’associazione Essere Animali ora richiede che anche le altre catene di supermercati italiani si allineino, per una maggiore sensibilità nei confronti degli animali.

24 maggio 2016
Immagini:
Lascia un commento