E-Cat: online il sito della Prometeon dove ordinarlo

Aldo Proia è stato di parola: il sito Internet della Prometeon, licenziatario per l’Italia dei prodotti della Leonardo Corporation, a partire dal celebre E-Cat, è online da oggi. Una fonte ufficiale, dunque, sui reattori a fusione fredda costruiti da Andrea Rossi è disponibile per il lettori italiani.

Va precisato che, oltre alle informazioni, per lo più quelle già note, il sito non contiene molto altro: i dettagli tecnici restano secretati, quelli economici non ci sembrano chiari, ecc. Quello che è sicuro che, in linea teorica, ognuno di noi potrebbe già tramite la voce contatti comunicare la propria intenzione di acquistare un E-Cat industriale da 1 MW termico.

Interessante leggere quali siano, all’interno del sito, le spiegazioni sulla misteriosa reazione nucleare che avverrebbe nei reattori:

L’E-Cat utilizza delle reazioni nucleari a bassa energia (LENR) che si svolgono tra il nichel in polvere – opportunamente pretrattato – e l’idrogeno gassoso, rese possibili grazie all’ausilio di un catalizzatore, su cui non possiamo qui fornire informazioni perché coperto dal segreto industriale.

Un E-Cat da pochi chilowatt consuma, nel suo normale funzionamento, una quantità di idrogeno dell’ordine del picogrammo, fornita da un’apposita “pasticca” contenente una speciale molecola che libera idrogeno durante il riscaldamento della camera di reazione e lo riassorbe durante il suo raffreddamento. Questo è solo un esempio delle numerose “altre” tecnologie, coperte da brevetti specifici, sviluppate per l’E-Cat commerciale, che è già oggi un prodotto assai semplice, sicuro e affidabile.

Altrove, nelle FAQ, viene poi precisato che:

L’E-Cat produce l’energia da reazioni LENR che utilizzano il nichel e l’idrogeno per dare, come sottoprodotto, rame in forma stabile e, soprattutto, raggi gamma di bassa energia, dunque facilmente schermabili (e pertanto non pericolosi) e in grado di riscaldare il reattore, che può in teoria autosostentarsi. Queste reazioni sono esotermiche, il che significa che producono energia in eccesso: il contenuto energetico del rame, infatti, è inferiore al contenuto energetico del solo nichel e idrogeno messi insieme.

Questi sono probabilmente alcuni tra i pochi contenuti pubblicati sul nuovo sito davvero interessanti per coloro che hanno seguito la storia dell’E-Cat passo per passo. Viceversa, coloro che approcciano l’argomento solo ora troveranno delle buone sintesi, le quali ovviamente glissano sulle varie critiche ricevute in questi mesi da Rossi e la Leonardo Corporation da parte dei cosiddetti “scettici”.

In conclusione, anche se a prima vista non cambia le carte in tavola, la pubblicazione del sito della Prometeon è sicuramente indice di una vitalità interna al mondo della Leonardo Corporation. Il tempo dirà se tale vitalità porterà con sé davvero la rivoluzione energetica che promette.

Fonti: Prometeon

31 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
RiccardoF, giovedì 8 novembre 2012 alle23:46 ha scritto: rispondi »

Io con lei sig.Toi . non so cosa più pensare !. Come dice il qui presente @Alessandro , il Focardi fa parte della strategia !. E’ l’elemento pseudo scientifico a supporto del progetto , un po’ come il mago do nascimento era a supporto della wanna marchi ……..  Visto che è bene informato , perché non ci dice anche che il Rossi  è un truffatore recidivo già condannato in primo grado a 8 anni di reclusione e tuttora è in appello per bancarotta fraudolenta .

alessandro, giovedì 8 novembre 2012 alle19:45 ha scritto: rispondi »

Io un anno e mezzo fa (ai tempi del "In Autunno daremo la dimostrazione definitiva!") parlai con Focardi. Mi diede l'impressione di un vecchio professore (un po' rintontito, a essere sincero) che non aveva praticamente idea a di quello che accade dentro l'ecat e intorno all'ecat, delegando l'intera faccenda a Rossi, che era ben felice di usare Focardi come bandiera di affidabilità.  Ma a parte questo i "fedeli dell'Ecat" non hanno ancora risposto al dilemma che ho posto nel mio primo intervento, lo ripeto qui, magari sarò più fortunato:  Se l'Ecat produce raggi gamma, va testato e certificato come sicuro da un'ente di protezione nucleare, deve ottenere complesse autorizzazioni e seguire rigidi protocolli per l'installazione e il funzionamento. Tutte cose che sicuramente Rossi o quelli di Prometeon non hanno fatto o ottenuto, altrimenti ce le avrebbero già sbandierate e a tutto volume. Se l'Ecat non produce raggi gamma, quelli di Prometeon stanno raccontando (magari con una buona fede che sfiora la dabbenaggine) balle, e tutta questa vicenda si svela per quello che è: una gigantesca truffa...

Carl_toi, mercoledì 7 novembre 2012 alle22:59 ha scritto: rispondi »

Caro amico RiccardoF io sono abbastanza informato nn fare il saputello..., seguo la vicenda da molto tempo, il Progetto Rossi Focardi come lo definisci tu è basato sullo studio e la ricerca di cui Prof. Focardi era pioniere ed ha dato un aiuto fondamentale alle sperimentazioni di Rossi solo a livello di schermatura delle basse emissioni di raggi gamma. Il loro rapporto o Progetto come lo definisci tu si conclude con la presentazione del lavoro a Bologna il 6 ottobre del 2011. Da li Rossi a capo del suo Progetto ( ecco a quale mi riferisco io ) di produzione e distribuzione della sua macchina comincia a cercare partner. È li che Rossi può trarre finalmente utile monetario. Ora dire che Rossi e un ciarlatano un truffaldino o un poco di buono e sta mettendo in piedi una mega truffa a livelli addirittura mondiali senza nulla di concreto. Bhee io quello lo lasciò dire a lei. Non mi sento di mettere al rogo nessuno fino a quando non viene dimostrato il contrario. Che Rossi non voglia dare tutte le specifiche della sua macchina fino a quando non otterrà tutti i brevetti che gli garantiscono una blindatura completa quello mi sembra plausibile. Ma alla fine ti vorrei chiedere una cosa. Secondo te una persona che deve fare una truffa o vuole mettere su una GRANDE TRUFFA DI MASSA, si va a rivolgere a grandi imprese e società dove si trovano dei consulenti tecnici e dei professionisti gestionali ( e credimi il lavoro di quelli è proprio di evitare le truffe) o si va a cercare tanti piccoli imprenditori o piccole imprese che nn possono permettersi di avere nell'oro organico persone di un certo livello tecnico?

RiccardoF, mercoledì 7 novembre 2012 alle16:43 ha scritto: rispondi »

He he che cosa blateri ?... @Toi , Le sue prese in giro sono senza fine …..Il progetto e-cat è nato come il progetto Rossi-Focardi …….. Si informi meglio !!!!!

Carl_toi, martedì 6 novembre 2012 alle15:05 ha scritto: rispondi »

Riccardo F. Ma cosa blateri? Facente parte di che? Ma a quale progetto ti riferisci? Fai delle affermazioni su idee tue campate in aria e parli pure. Prima blateri che nessuna persona ha confermato quello che Rossi ha ottenuto, appena ti faccio presente un nome che a oggi nn fa ne parte della Leonardo ne di alcuna sua consociazione cominci a offendere una persona che parla solo di una propria idea. Ti ricordo che ne tu ne io ad oggi possiamo dare delle certezze, ma almeno io non ho la presunzione di offendere un'individuo solo per una sua idea.

Lascia un commento