Continua il duello a distanza fra Andrea Rossi, padre e dell’E-Cat, e il buon Dick Smith, capo e finanziatore dell’associazione degli scettici australiani. Dopo la prima replica dell’ingegnere italiano alle critiche allo svolgimento dei test pubblici sull’E-Cat, la palla è tornata in mano al ricco australiano. Questi ne ha approfittato per mettere su una vera e proprie provocazione.

Rossi dovrebbe solo ripetere il test di marzo 2011, di fronte ai due scienziati svedesi presenti proprio a quell’esperimento. Se sarà provato che l’E-Cat ha un output 8 volte superiore all’energia immessa per innescare il processo di fusione fredda, per almeno 5 ore di test, allora Smith sarà “ben felice” di donare un milione di dollari a Andrea Rossi.

Una scommessa a prima vista allettante. Ma non per l’inossidabile ingegnere italiano, che dichiara con il suo solito stile diretto e pungente che si tratta di una proposta non seria e che a lui i soldi di Smith non servono.

A prescindere dal tono polemico, la risposta di Rossi (prevedibile in verità) non fa una piega:

Se quest’uomo vuole testare un impianto da 1 MW e possiede un milione di dollari da spendere, potrebbe comprarsene uno con un regolare contratto.

Quella di Smith non sarebbe, quindi, che una “pagliacciata”, per usare le espressioni di Rossi. Non si può evitare di notare, in effetti, come si tratti almeno di una provocazione. Forse, però, Rossi potrebbe fare lo sforzo di essere più conciliante e rispondere di essere disponibile a fare molto di più per un milione di dollari rispetto a un misero test: anche vendere un reattore a fusione fredda da 1 MW che l’associazione degli scettici australiani sarebbe libera di testare a piacimento.

Insomma, potrebbe rispondere alla provocazione accettandola e rilanciandola. Starebbe poi all’australiano dimostrare di essere serio con i propri propositi.

15 febbraio 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Jumpjack, giovedì 16 febbraio 2012 alle10:35 ha scritto: rispondi »

Chissà se qualcuno ha colto la citazione del premio di 1.000.000 di dollari in palio da DECENNI per chiunque riuscirà a dimostrare di avere doti paranormali... ;-)

Ducoi, mercoledì 15 febbraio 2012 alle17:36 ha scritto: rispondi »

con tutto il chiasso mediatico che è riuscito a fare Rossi qualche milione di dollari probabilmente riuscirà a raggranellarli e se l' ecat non dovesse funzionare ben difficilmente chi ha pagato riuscirebbe a riottenere i soldi versati.  Un test indipendente che dimostrasse l' inconsistenza dell' ecat chiaramente sarebbe esiziale per questa strategia, Rossi segue dunque una linea coerente.

Lascia un commento