E-Cat: la fusione fredda di Rossi sarà economica

La rivoluzione non sarà soltanto rapida, come abbiamo scoperto ieri, ma anche estremamente economica. Che l’E-Cat di Andrea Rossi debba cambiare il mondo proprio grazie alla capacità di fornire globalmente energia “economica” non è una novità. Ma ora ci si chiede: se tutto questo trambusto fosse davvero fondato, quale sarà il prezzo commerciale, il prezzo “su strada”, del magico boiler a fusione fredda?

Andrea rossi ha già detto che una versione casalinga da 10 KW dovrebbe costare 5000 €, più le varie spese di ricarica.

Come giustamente fa notare il blog NickelPower, questa stima non tiene evidentemente conto dell’effetto della produzione di massa.

Oggi come oggi, non solo il tutto è montato a mano dallo stesso Rossi o chi per lui, ma tutti gli elementi costituenti, finanche la polvere di nichel e l’idrogeno puro, sono tutt’altro che di facile reperibilità.

Se però l’E-Cat dovesse commercialmente sfondare, la situazione si capovolgerebbe, portando in pochissimi anni (massimo una decina) a una riduzione dei costi quasi esponenziale. Insomma, avremmo davvero energia a prezzi di saldo.

L’osservazione è sicuramente pertinente e fondata. Crediamo, comunque, che tenda a semplificare troppo il funzionamento della generazione dei prezzi. Se è indubbio che col tempo avremo una riduzione dei costi di produzione, il monopolio che Rossi sta cercando di costruire a suon di brevetti, potrebbe anche impedire un’autentica riduzione del prezzo del prodotto finale.

Come sempre quando si parla di E-Cat, prima di rilasciare considerazioni definitive occorrerà aspettare ancora un po’.

.

18 ottobre 2011
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Cosimo, martedì 18 ottobre 2011 alle15:46 ha scritto: rispondi »

dopo aver venduto la casa credo proprio che Rossi voglia incominciare a guadagnarci su. Basta che ne produca molti pezzi in modo da far scendere il prezzo pure a livelli di noi comuni mortali

www.fusioneafreddo.it, martedì 18 ottobre 2011 alle12:10 ha scritto: rispondi »

non credo che la produzione di idrogeno sia un grande problema!

Lascia un commento