E-Cat: Andrea Rossi annuncia una presentazione nei primi mesi del 2019

La chimera della fusione fredda e dell’E-Cat torna a infiammare Internet. Andrea Rossi, l’ingegnere filosofo che da anni dichiara di aver realizzato un dispositivo che sfrutta le Low Energy Nuclear Reactions (LENR) ha annunciato un passo importante nella sua strategia di commercializzazione: un evento pubblico (anche se ristretto alla stampa) e gratuito in cui verrà mostrato per la prima volta l’-E-Cat industriale, cioè una versione del suo prodotto capace di generare grandissime quantià di calore.

L’evento dovrebbe tenersi tra dicembre o al massimo a fine gennaio 2019, in una non meglio precisata location della East Cost negli Stati Uniti. Alla presentazione si potrà accedere solo previa accettazione da parte di Andrea Rossi dopo aver inviato una mail all’indirizzo “info@leonardocorp1996.com“. Una volta ricevuto il placet di Rossi si potrà assistere alla presentazione in modo totalmente gratuito.

Da quel che si è capito dai vari messaggi e commenti di Rossi presenti sul Journal of Nuclear Physics, l’idea del creatore dell’E-Cat è quella di presentarsi con un prodotto che produca calore che possa essere rivenduto a potenziali clienti industriali. I modelli di E-Cat su cui Rossi sta attualmente lavorando sono due, il cosiddetto E-Cat QX da 1kW, che dovrebbe vedere la luce a fine anno, e l’E-Cat SK da 100 kW che è ancora in fase di sviluppo ma che probabilmente verrà mostrato sempre durante la presentazione di gennaio 2019.

22 giugno 2018
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Salvatore Sotgiu, sabato 23 giugno 2018 alle0:23 ha scritto: rispondi »

Come si fa a dare ancora credito a persone che da anni reclamano delle invenzioni miracolose (l'equivalente del moto perpetuo), senza averne mai dato prova a nessun ente in grado di confermare se si tratta o meno di una bufala.

Fabio, venerdì 22 giugno 2018 alle23:41 ha scritto: rispondi »

Ah, quindi il non-ingegnere Rossi è ancora a caccia di gonzi? :-D

Antonio, venerdì 22 giugno 2018 alle16:10 ha scritto: rispondi »

e una grande invenzione e vorrei che L'ITALIA aderisse a questa bellissima opportunità invece di far scappare via i migliori cervelli ITALIANI spero che lo commercino anche nel nostro paese per poter usufruire di queste energie alternative grazie ad andrea rossi.

Lascia un commento