Grande festa alla Wolong Nature Reserve di Sichuan, cittadina nel sud della Cina: una panda ha dato alla luce una coppia di cuccioli, un fatto raro per questa specie animale in cattività. Il parto è avvenuto lo scorso sabato, alle 16.54 del fuso orario locale.

>>Scopri come il global warming minaccia i panda

Haizi, questo il nome della neomamma, è rimasta incinta dopo l’accoppiamento con i due esemplari maschi della riserva, Bai Yang e Yi Bao. Un fatto di per sé straordinario, perché non solo questi panda sono di indole solitaria, ma la loro finestra per la fecondazione è talmente breve tanto da non combaciare quasi mai con il periodo del calore tra maschi e femmine. Superata la difficoltà di ottenere una gravidanza, la seconda sorpresa: un parto di due cuccioli. Entrambi i piccoli sono ottime condizioni, pesano all’incirca 79 grammi ciascuno e la madre non li lascia da soli nemmeno per un istante.

I parti plurigemellari sono assai rari fra i panda: solitamente si ha un solo cucciolo, occasionalmente due e, in un solo caso noto in letteratura, tre piccoli. Quest’ultimo episodio è avvenuto qualche anno fa sempre alla Wolong Nature Reserve di Sichuan, un centro per la tutela animale da anni all’avanguardia nella protezione di questi grandi orsi asiatici. Non a caso, l’intero parto è stato monitorato e registrato dalle telecamere, controllato da un nugolo di veterinari disponibili 24 ore su 24.

>>Leggi del cucciolo di panda deceduto a Tokyo

Come già specificato, l’accoppiamento è molto raro nei panda. La finestra di fertilità è di 12-25 giorni in primavera, ma l’effettiva possibilità d’accoppiamento si riduce in un arco di 24-36 ore, dopo le quali una gravidanza è particolarmente impossibile. È quindi dura la probabilità che questi due giorni di calore siano sincronizzati tra maschi e femmine, il fatto che vi siano stati addirittura due rapporti indica l’eccezionalità dell’intera gravidanza. Nel frattempo, così come il WWF sottolinea, il numero dei panda disponibili nel mondo sta lentamente e lievemente aumentando, grazie agli sforzi di tutela di numerose agenzie mondiali, in particolare del governo cinese. Stando ai dati rilevati nel 2004, dovrebbero essere 1.600 i panda liberi in natura.

24 giugno 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento