Due nuovi gatti a Downing Street

Non solo Larry, a Downing Street arrivano due nuovi gatti. Il felino più famoso del Regno Unito, scelto da David Cameron e sopravvissuto nelle sue mansioni al cambio di governo dopo la Brexit, può ora contare su due validi aiutanti per una battaglia senza esclusione di colpi: la caccia ai topi. Una decisione che giunge di sorpresa, considerato come l’esecutivo avesse sottolineato, solo poche settimane fa, di non essere intenzionato ad allargare la famiglia di quadrupedi presso il luogo simbolo del Governo d’Oltremanica.

I due nuovi gatti, Ossie ed Evie, sono giunti questo mese in occasione dei 100 anni della fondazione del Cabinet Office, avvenuta durante la Prima Guerra Mondiale, e della pubblicazione del volume commemorativo “The Cabinet Office 1916-2016″. Evie è stata così chiamata in onore di Dame Evelyn Sharp, la prima segretaria permanente del Cabinet Office, mentre Ossie in omaggio a Sir Edward Osmotherly, autore dell’omonima legge parlamentare. Con la loro entrata ufficiale a Downing Street, diventano ben cinque i gatti del circondario: oltre al già citato Larry, infatti, vanno inclusi anche il gatto del tesoro Gladstone e quello del Foreign Office Parlmerston.

=> Scopri Larry, il gatto di Downing Street


Di tutti, è proprio Gladstone il più attivo nella cattura dei topi, tanto da cacciarne ben sei in soli tre mesi dal suo arrivo al tesoro. Larry, invece, è più noto per la sua pigrizia: ha impiegato ben sei mesi, infatti, per catturare il suo primo roditore. Eppure al gatto più famoso d’Inghilterra non manca di certo la forza per lottare, considerata la sua idiosincrasia per Palmerston: i due sono stati ritratti in diverse occasioni, infatti, presi da violente zuffe.

Il più amato della storia fu però Humphrey, così chiamato in onore di Sir Humphrey Appleby, rimasto in carica per nove anni fino all’arrivo di Tony Blair a Downey Street. L’animale, allontanato dalla sua dimora governativa per problemi di salute, è deceduto a ben 18 anni d’età, nel 2006.

12 dicembre 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento