Prosegue senza sosta la Dudù-mania, la crescita dell’acquisto dei Barboncini dovuta al cane dell’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e della compagna Francesca Pascale. Così come riportato ieri, gli allevatori della razza del Barbone Nano hanno rilevato un aumento delle vendite del 20%, ma a intervenire è la LAV. L’associazione sconsiglia ai consumatori di acquistare cani, soprattutto a ridosso con il Natale.

Le mode che possono essere lanciate da un cane “celebre” come Dudù fanno male agli animali. L’innamoramento vero o presunto sulla base di un’emozione ha precedenti illustri: dal boom di Lassie e Rin Tin Tin negli anni ’70, a quello di Labrador per la pubblicità di una carta igienica, fino ai Dalmata della “Carica dei 101″. Tutti fenomeni che non hanno fatto assolutamente il bene degli animali.

Così spiega Gianluca Felicetti, Presidente della Lega Antivivisezione. Le mode passeggere sulle razze canine spingerebbero a un rapporto malsano con l’animale, perché reso oggetto sin dal primo contatto con la famiglia che se ne prenderà cura. È sempre Felicetti a sottolinearlo:

Tra le altre cose queste mode hanno incentivato l’acquisto degli animali, che è il primo modo per rendere un essere vivente un oggetto fin dall’inizio del proprio rapporto con lui. E questo è paradossale perché ci sono tanti cagnolini simili a Dudù che aspettano una famiglia nei canili o nei rifugi delle associazioni animaliste. Basterebbe recarsi in visita in una di queste strutture e non fermarsi davanti alla vetrina di un negozio o in un allevamento.

Non si sta quindi criticando la scelta dell’ex Presidente del Consiglio di accudire il simpatico Dudù, di certo un cucciolone fortunato e riverito, quanto lo spirito di emulazione che potrebbe portare alla scelta di accudire un cane senza la giusta consapevolezza. Soprattutto a ridosso con il Natale, quando gli acquisti aumentano e contestualmente gli abbandoni. E, proprio come sostiene LAV, nei canili e nei rifugi ci sono molti esemplari pronti a donare amore e calore.

6 dicembre 2013
Fonte:
Lascia un commento