Dormire meno di 6 ore indebolisce le funzioni cognitive

Dormire meno di 6 ore riduce la capacità di affrontare gli impegni lavorativi. Questo è quanto hanno concluso i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital, il cui studio pone l’accento sulla possibilità che tale effetto negativo possa manifestarsi anche in assenza della sensazione di stanchezza o sonnolenza. Influenzata da tale deficit cognitivo anche la memoria, che risulterebbe indebolita da una notte di sonno insufficiente.

I ricercatori hanno sottoposto i nove partecipanti allo studio a 32 “giornate” della durata di 20 ore, durante le quali alternavano 15 ore e 20 minuti di veglia a 4 h e 40 min. in cui era loro consentito dormire. Nell’arco delle tradizionali 24 ore i volontari hanno dormire circa 5 ore e mezza. A questo gruppo ne è stato affiancato uno di “controllo”, che alternava 6 ore e 40 minuti di sonno a 13 ore e 20 minuti di attività giornaliera (circa 8 ore di riposo nelle 24 ore).

=> Scopri perché dormire meno di 7 ore aumenta il rischio depressione e ansia

Lo scopo di tale organizzazione era quello di separare gli effetti della veglia prolungata con quelli dello scarso riposo: secondo i ricercatori 15 ore e 20 minuti non sono sufficienti a manifestare deficit indotti dalla prima, mentre dormire meno di 6 ore dà origine a flessioni nel rendimento della memoria e delle funzioni cognitive.

=> Leggi quali sono i 5 falsi miti sul dormire bene che rovinano il sonno

Stando ai risultati pubblicati sulla rivista PNAS, i partecipanti costretti a dormire meno di 6 ore mostravano un incremento di 5 volte della perdita di attenzione e un tempo di reazione neuro-comportamentale raddoppiato rispetto ai soggetti inclusi nel gruppo di controllo. Tali dati sono apparsi scollegati dall’eventuale riferimento, da parte dei volontari, di sensazione di stanchezza o allerta; gli stessi non sembravano inoltre coscienti dei deficit in cui erano occorsi. Come ha spiegato la dott.ssa Elizabeth Klerman, della Brigham and Women’s Hospital’s Division of Sleep and Circadian Disorders:

Se qualcuno ha una routine che prevede oltre 18 ore di veglia, allora significa che è altrettanto impostato per dormire meno di sei ore al giorno. Abbiamo riscontrato che tale privazione del sonno cronica, anche senza una veglia prolungata, risulta provocare deficit sulle prestazioni cognitive.

Le persone non possono imparare a convivere con la privazione del sonno e potrebbero non essere coscienti della riduzione delle proprie abilità cognitive.

24 maggio 2018
Immagini:
Lascia un commento