Donald Trump: stop a sussidi per auto elettriche e rinnovabili

L’America di Donald Trump è sicuramente meno green di quella di Obama: il Presidente degli Stati Uniti in carica è pronto a eliminare i sussidi federali per le auto elettriche e, con molta probabilità, anche gli incentivi alle energie pulite.

La sterzata, via Twitter, contro le e-car è arrivata dopo lo scontro tra Trump e General Motors: il Presidente ha minacciato l’eliminazione delle sovvenzioni dopo che il produttore di auto ha annunciato che avrebbe chiuso cinque fabbriche di automobili e ridotto 14.000 posti di lavoro nel Nord America, andando a colpire soprattutto il Midwest, dove il Presidente ha promesso una rinascita della produzione.

=> Scopri l’opposizione di Trump ai cambiamenti climatici


Il consigliere il economico della Casa Bianca Kudlow ha confermato i cinquetti all’agenzia Reuters, affermando:

Per quanto riguarda la nostra politica, vogliamo porre fine a tutti questi sussidi. A proposito, stiamo per rimuovere gli altri incentivi che sono stati introdotti durante l’amministrazione Obama, sia per le energie rinnovabili sia per altri ambiti. Tutto finirà in un prossimo futuro, non sappiamo ancora se nel 2020 o nel 2021.

Kudlow si riferisce principalmente alle sovvenzioni, variabili da 2.500 a 7.500 dollari (2.196 – 6.587 euro), per l’acquisto di automobili ibride plug-in o elettriche, senza tuttavia specificare le tempistiche della rimozione.

=> Scopri perché Trump non vuole agire contro il riscaldamento globale


I piani di Donald Trump, però, potrebbero non essere attuati così facilmente. La Casa Bianca, infatti, non può prendere unilateralmente decisioni di questo tipo: quando a gennaio i democratici avranno il controllo della Camera difficilmente accetteranno di eliminare gli incentivi green.

5 dicembre 2018
Lascia un commento