I dolci di Natale pugliesi sono immancabili prelibatezze per chi ama la cucina tradizionale italiana. La Puglia è una regione dalla nota e lunga tradizione culinaria, che si distingue per la semplicità delle presentazioni.

Vediamo quali sono le ricette tipiche del periodo natalizio e come si realizzano nella versione tradizionale.

Le pettole

Ingredienti per 20 pezzi:

  • 500 g di farina;
  • 25 g di lievito di birra fresco, 1 cubetto;
  • 100 – 150 ml di acqua tiepida;
  • olio extravergine di oliva per friggere;
  • 40 g di zucchero.

Raccogliete la farina in una ciotola, quindi unitevi il lievito di birra sbriciolato poco alla volta, mescolando l’acqua tiepida fino a ottenere una pastella liscia e elastica. Coprite la ciotola con la pellicola da cucina e lasciate lievitare per 1 ora mezza in un luogo tiepido. Trascorso questo tempo, scaldate l’olio in un tegame adatto per friggere o una friggitrice: raccogliete piccole porzioni di impasto lievitato e formatene delle palline. Fate friggere per qualche minuto, fino a che saranno dorate. Raccogliete le pettole con un mestolo forato, fate asciugare dall’eccesso di olio su un piatto coperto di carta assorbente e disponete il tutto su un piatto da portata. Cospargete finché sono ancora calde con lo zucchero. Le pettole dovrebbe essere servite appena preparate.

Le chinuliddhre

Questi dolcetti sono dei ravioli dolci ripieni di confettura, solitamente di pera, mele cotogne o uva.

=> Scopri come fare in casa la marmellata


Ingredienti per 20 chinuliddhre:

  • 500 g di farina tipo 00;
  • 80 ml di olio extravergine di oliva;
  • 20 g di zucchero;
  • mezzo cucchiaino di cannella;
  • 2 cucchiai di liquore d’anice;
  • 2 cucchiai di vino bianco secco;
  • 20 g di buccia grattugiata di agrumi misti;
  • 1 uovo;
  • 1 bustina di lievito per dolci;
  • 200 g di confettura di pera, mele cotogne o uva.

Raccogliete in una ciotola la farina, il lievito, lo zucchero, la cannella e la buccia grattugiata degli agrumi. Amalgamate quindi unite l’uovo, l’olio, il vino e il liquore. Lavorate bene fino a ottenere un impasto elastico e compatto. Stendete la pasta sul piano di lavoro con l’aiuto del matterello, quindi ricavate con un coppa pasta 20 cerchietti. Farcite il centro di ogni cerchietto con la confettura e, dopo aver chiuso il raviolo dolce, friggete in olio caldo e servite i chinuliddhri.

Le cartellate

Questi dolci sono molto probabilmente i più famosi della tradizione natalizia pugliese: secondo quanto tramandato dalla storia, rappresentano l’aureola o le fasce di tessuto che avvolgevano Gesù appena nato. Anche questi sono dolcetti fritti.

Ingredienti per 30 cartellate:

  • 300 g di farina tipo 00;
  • 30 ml di olio extravergine di oliva;
  • 120 ml di vino bianco secco;
  • 300 ml di mosto di uva fresco cotto;
  • olio di arachide per friggere.

Mescolate l’olio extravergine di oliva e il vino bianco in un tegamino, quindi fate intiepidire a fuoco medio-basso. Raccogliete la farina in una ciotola, quindi unite l’emulsione di olio e vino. Impastate fino a ottenere una pasta liscia e compatta, quindi coprite con la pellicola da cucina e fate riposare per 30 minuti circa. Riprendete l’impasto e stendetelo in una sfoglia sottile, dello spessore di circa 2 mm. Tagliate, con un tagliapasta a rotella dentellata, dei rettangoli e quindi delle strisce larghe circa 3 cm e lunghe 30 cm. Arrotolate le strisce su se stesse formando delle rose: friggete in olio ben caldo, poi raccogliete con un mestolo forato e fate asciugare su una gratella. Scaldate il mosto in un tegame, unitevi le cartellate poche alla volta e fatele impregnare. Raccogliete e servite calde.

25 dicembre 2016
Immagini:
Lascia un commento