Dimenticare le cose può essere sintomo di intelligenza

Essere sbadati può essere il segno concreto che il tuo cervello funziona correttamente. Sembra un controsenso, ma invece grazie a una ricerca dell’Università di Toronto in Canada e pubblicata nella rivista Neuron pare che non ricordare i dettagli banali possa essere in realtà essere un segno che il tuo cervello lavora bene, separando le cose utili da quelle inutili.

=> Scopri perché parlare con cani e gatti è sintomo d’intelligenza

I ricercatori hanno trovato che la crescita di nuovi neuroni nell’ippocampo, la parte del nostro cervello associata alla memoria, promuova il processo della dimenticanza. Lo scopo sarebbe quello di fare spazio a informazioni più importanti ed eliminare cose più inutili:

Scopo della memoria è quello di rendere una persona intelligente e che possa prendere decisioni in base alle circostanze: un aspetto importante per aiutarti a farlo è poter dimenticare alcune informazioni.

=> Cervello più intelligente grazie alla frutta, leggi perché

Così hanno dichiarato i ricercatori che hanno monitorato il cervello di 20 adulti sani, eseguendo un test di memoria semplice, e hanno visto come il processo di dimenticanza sia funzionale.

Il cervello vuole sbarazzarsi di vecchie informazioni inutili, come una vecchia password in quanto, più cose vecchie abbiamo in testa di cui non abbiamo più bisogno, più sembra essere difficile prendere una decisione concreta. Ecco allora come, ciò che fino a poco tempo fa etichettavamo come “disagio” o “problema”, potrebbe invece essere un sintomo di intelligenza.

27 giugno 2017
Lascia un commento