Il tè nero potrebbe rappresentare una valida scelta per chi vuole dimagrire. Secondo i ricercatori della University of California di Los Angeles la popolare bevanda calda aiuterebbe a perdere peso sfruttando la stessa azione messa in campo dal “cugino” verde, ovvero la stimolazione del metabolismo.

I benefici per la linea derivanti dal consumare regolarmente del tè nero si innescherebbero grazie alle particolari molecole di cui si comporrebbe l’infuso, la cui grandezza ridurrebbe le possibilità di assorbimento da parte dell’intestino e favorirebbe la produzione di enzimi in grado di stimolare la perdita di peso. A patto però che nella tazza consumata non venga inserito un particolare “extra”, pratica molto popolare nei Paesi anglosassoni, ovvero il latte.

=> Scopri tutte le proprietà curative del tè nero

Per studiare le proprietà del tè nero in funzione della perdita di peso i ricercatori hanno diviso alcuni topi in quattro gruppi, variabili in funzione della dieta seguita: povera di grassi, ricca di zuccheri; ricca di grassi e di zuccheri; ricca di grassi e di zuccheri, ma con l’integrazione di estratto di tè verde; ricca di grassi e di zuccheri, ma con l’integrazione di estratto di tè nero.

=> Leggi i benefici del tè verde e del tè nero per concentrazione e funzioni cognitive

Stando ai risultati presentati dai ricercatori i topi che avevano ricevuto un qualsiasi tipo di estratto di tè mostravano una perdita di peso simile a coloro che avevano seguito una dieta povera di grassi. Inoltre risultavano in possesso di un numero ridotto di batteri associati all’obesità e più microbi connessi con la massa magra. Soltanto i roditori che avevano ricevuto estratto di tè nero mostravano, hanno concluso i ricercatori, di essere in possesso di batteri che stimolavano il metabolismo.

4 ottobre 2017
Lascia un commento