Dimagrire: i baci aiutano a perdere peso, ecco perché

Baciarsi aiuta a dimagrire favorendo un maggiore consumo di calorie. Secondo alcuni esperti la durata e l’intensità giocherebbero un ruolo importante nel rendere il bacio “alla francese” un possibile rimedio naturale per perdere peso. Circa un minuto sarebbe sufficiente per bruciare fino a 6 calorie, mentre un’ora permetterebbe di “consumare” un numero di calorie (360) equivalente a circa un piatto di pasta.

A favorire un maggiore dimagrimento anche il fatto che baciare il/la partner provocare un’accelerazione del ritmo cardiaco dovuto all’eccitazione, con il risultato di stimolare il metabolismo e una più rapida diffusione del sangue nel corpo. Ciò si traduce nella maggiore tendenza a dimagrire, frutto anche di una più efficiente circolazione del sangue e un migliore drenaggio dei liquidi in eccesso da parte dell’organismo.

=> Scopri i motivi per cui un bacio fa bene alla salute

Baciarsi rappresenterebbe secondo i medici anche un valido allenamento aerobico, con un bacio alla francese che risulterebbe paragonabile a una breve nuotata (circa 10 minuti). Non si esauriscono con il dimagrire i benefici associati a questo insolito rimedio naturale. Basti pensare che durante il bacio attiva 29 muscoli facciali, aiutando la pelle del viso a mantenere la sua tonicità.

=> Leggi perché un bacio è efficace contro mal di testa e stress

Oltre all’aiuto naturale per dimagrire il bacio rappresenta, secondo uno studio condotto dal prof. Giuseppe Genovesi, docente di Endocrinologia presso l’Università La Sapienza di Roma, un rimedio contro ansia e stress. Si rivela inoltre efficace anche per contrastare il mal di testa.

Il bacio alla francese aiuta anche a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue e a ridurre il rischio carie. Lo scambio di saliva che avviene durante l’atto di baciarsi è inoltre un rimedio naturale efficace per stimolare le difese immunitarie, come sottolineato dai ricercatori della Netherlands Organisation for Applied Scientific Research.

3 dicembre 2018
Lascia un commento