Dimagrire col pensiero, possibile secondo uno studio USA

Dimagrire grazie al proprio pensiero riguardo i cibi. La mente supererebbe il corpo ancora una volta secondo quanto affermato da uno studio condotto dalla Dr.ssa Alia Crum della Columbia Business School di New York. Stando a quanto pubblicato nel “Milkshake Study”, il cervello stimolerebbe un’accelerazione del metabolismo in caso di ingestione di alimenti ritenuti grassi o troppo energetici.

Gli effetti del pensiero sulla velocità del metabolismo si attiverebbero in relazione ai livelli di grelina, o anche “ormone della fame”, la cui variazione sarebbe relazionabile al contenuto calorico “previsto”. Lo studio della Dr.ssa Crum è stato condotto somministrando un frullato di frutta del valore nutrizionale di 380 calorie a un gruppo di volontari, con una differenza: a metà di loro è stato presentato come contenente 104 cal. mentre all’altra metà ben 620.

Prima e dopo l’assunzione sono stati verificati i livelli di grelina nel sangue e sembra che, stando ai risultati ottenuti, coloro che credevano di consumare un alimento dall’elevato contenuto calorico hanno visto i loro livelli dell’ormone della fame ridotti. Questo ha comportato non soltanto l’accelerazione del metabolismo, come citato in precedenza, ma anche la diminuzione della sensazione stessa di fame.

Credere di alimentarsi con cibi più calorici indurrebbe l’organismo a reagire di conseguenza, adattandosi al presunto maggiore apporto energetico consumando più risorse caloriche e raggiungendo più in fretta la sensazione di sazietà. Come ha spiegato la stessa Dr.ssa Crum, l’effetto indicherebbe come dalle etichette nutrizionali degli alimenti il cervello umano ricavi molto più che semplici informazioni:

Le etichette non sono soltanto etichette; portano alla mente un gruppo di credenze. Con questo studio ho voluto conoscere l’impatto che le etichette hanno “sotto pelle” e come di fatto influenzano il processamento fisiologico dell’organismo per quanto riguarda i nutrienti consumati.

16 aprile 2014
Via:
NPR
I vostri commenti
Silvano Ghezzo, mercoledì 16 aprile 2014 alle23:23 ha scritto: rispondi »

Il cervello umano può farci sentire in un "range" da ipocondriaci fino a invincibili; convincere le persone a suicidarsi o viceversa resistere a tutte le avversità. Che poderosa e fantastica ma anche terribile macchina biologica che ci ritroviamo,.

Giancarlo Briguglio, mercoledì 16 aprile 2014 alle15:23 ha scritto: rispondi »

Forse può essere utile sapere che puoi contare sull'Unico Integratore dalla Composizione Ideale e Bilanciata in modo che tu possa perdere i Chili superflui senza alcun aggravio per il tuo Organismo e mantenendo a lungo i risultati ottenuti. Piena Garanzia Soddisfatti o Rimborsati per 6 giorni di Dieta. Guarda per approfondire il Video Seminario Gratuito cliccando sul sito:

Giancarlo Colombi, mercoledì 16 aprile 2014 alle13:30 ha scritto: rispondi »

Che, per dimagrire, "basta abbassare i riscaldamenti" è conseguenza dello studio della termoregolazione & del metabolismo, capitoli "sine qua non" di qualsiasi sacro testo di Fisiologia Medica. Ignorarlo comporta esser rimandati al prossimo appello. Ma che grande scoperta ! Che bella novità ! "Good grief !"

Eva, mercoledì 16 aprile 2014 alle11:38 ha scritto: rispondi »

Allora potrebbe anche accadere il contrario? Ossia se io sto seguendo una dieta mi mangio verdura a volontà potrei vedere l'effetto molto prima? Chissà...

Lascia un commento