La dieta vegetariana e la dieta vegana sono tra le soluzioni più efficaci per ridurre l’impatto ambientale dell’umanità. A sostenerlo è un recente studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Nutrition. La ricerca, firmata da Geneviève Metson, sottolinea il peso delle nostre scelte alimentari nell’impronta ecologica globale del fosforo.

Secondo gli esperti l’umanità sta sottovalutando le ricadute ambientali positive dell’adozione di massa di un regime alimentare a base di alimenti vegetali. Il fosforo è un elemento essenziale per tutti gli esseri viventi ed è cruciale per la produzione di cibo.

=> Scopri di più sulla dieta vegetariana

Le rocce fosfatiche sono una risorsa non rinnovabile che sta diventando sempre più scarsa, mettendo in seria difficoltà l’industria agroalimentare. Il fosforo viene impiegato nei fertilizzanti per aumentare la resa delle colture.

Le colture entrano in due modi nella catena alimentare: tramite il consumo diretto di frutta e ortaggi e indirettamente, mangiando la carne di animali alimentati con mangimi vegetali. Le due produzioni richiedono quantità diverse di fosforo. Un kg di fosforo può essere usato per produrre 3.333 kg di patate o 16 chili di bistecche.

Il fosforo può peggiorare la qualità delle acque, penetrando nei corsi idrici attraverso i campi agricoli o tramite i rifiuti organici umani. In concentrazioni eccessive il fosforo causa un fenomeno noto come “eutrofizzazione”, che porta a una proliferazione delle alghe e rende l’acqua non potabile, mettendo a rischio i pesci e l’approvvigionamento di risorse idriche.

=> Leggi news e consigli per seguire la dieta vegana

La crescita della popolazione globale sta facendo lievitare la domanda di fosforo per rispondere alla richiesta di cibo. L’impiego massiccio di fertilizzanti a base di fosforo mette a rischio la sicurezza alimentare e la qualità dell’acqua.

I ricercatori hanno stimato gli effetti del passaggio a una dieta a base di piante dell’intera popolazione di una città australiana. Lo studio ha usato i dati sulle abitudini alimentari degli australiani raccolti dal National Nutrition Survey condotto nel 2011. I ricercatori hanno calcolato il consumo dei diversi cibi e la quantità di fertilizzanti necessaria a produrli.

Gli studiosi hanno poi stimato gli effetti della sostituzione della carne, delle uova, dei prodotti ittici e dei latticini con una dieta a base di legumi e vegetali. Il passaggio a una dieta vegetariana e/o vegana porterebbe a un piccolo incremento del fosforo nei rifiuti organici dei residenti pari all’8%.

In compenso l’impronta ecologica dei residenti in relazione alla produzione complessiva di fosforo calerebbe di ben il 72%. Come ha illustrato il Dott. Metson:

Il risultato più sorprendente è stato il grande impatto del cambiamento di dieta nella richiesta di fertilizzanti. Le strategie attuali puntano sul riutilizzo del fosforo per abbattere l’impatto della produzione agroalimentare, ma la nostra dieta è un fattore ancora più importante per rendere sostenibile la catena alimentare.

8 novembre 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento