L’esercito norvegese potrebbe convertirsi presto alla dieta vegetariana, almeno un giorno alla settimana stando a quanto trapelato. È quanto è incluso nella proposta dei “Meatless Monday”, i lunedì senza carne con cui l’arma incentiverà l’alimentazione salutare e il rispetto dell’ambiente.

Il proposito è molto semplice: sottoporre le truppe a un rigido menu vegetariano almeno una volta alla settimana, per ridurre l’impatto ambientale della carne e contribuire, sia in modo simbolico che effettivo, alla lotta al surriscaldamento globale.

Quello ecologico è infatti il proposito principale rispetto ai tanti che potrebbero caratterizzare questo tipo di nutrizione, tra cui la salute dei militari. È il portavoce Eystein Kvarving a spiegarlo alla stampa:

L’obiettivo è fare un passo per proteggere il nostro clima. L’idea è quella di servire cibo che sia rispettoso per l’ambiente.

Quando al portavoce viene chiesto se il progetto risponda anche a precise logiche di taglio dei costi dell’esercito – l’alimentazione vegetariana su larga scala ha costi più contenuti rispetto ai prodotti di origine animale – vi è però una puntualizzazione. No, non si tratterebbe di una questione di “vil denaro”, bensì di una vera e propria presa di coscienza nei confronti del global warming:

Il progetto non nasce dai soldi, siamo più preoccupati dal nostro clima, dall’essere più amici dell’ambiente, dal mangiare in modo più sano.

Il nuovo regime alimentare è ora in fase di test in alcune delle basi militari più grandi della Norvegia e, qualora dovesse ottenere il successo sperato, sarà esteso a tutta la nazione. L’obiettivo è quello di ridurre il consumo di carne di ben 150 tonnellate l’anno, con tutto ciò che ne consegue anche in termini di emissioni di CO2 e di deforestazione.

L’organizzazione The Future In Our Hands (FOH), un gruppo locale da sempre impegnato nella sensibilizzazione al consumo consapevole e al ricorso delle risorse naturali, ha espresso grande soddisfazione per il progetto. Un norvegese medio, infatti, consuma all’incirca 1.200 animali nel corso della sua intera vita, la dieta vegetariana anche solo poche volte la settimana potrebbe dimezzare questa cifra. Soddisfazione anche per l’impegno del Ministero della Difesa, così come la stessa organizzazione sottolinea:

Il Ministro della Difesa merita i nostri complimenti, perché sta prendendo i problemi ambientali e del clima seriamente.

23 novembre 2013
Fonte:
Via:
Immagini:
Lascia un commento