Stando a quanto afferma la FAO ogni 450 grammi di prodotti ittici venduti, quasi 2,3 Kg di altre specie marine vengono scartati poiché catturati per sbaglio. Questo contribuisce a togliere ogni anno circa 90-100 milioni di tonnellate di pesce dai nostri mari e oceani. Una situazione che in futuro non sarà più sostenibile e che secondo i ricercatori provocherà un danno allo stesso mercato ittico prima del 2050.

=> Scopri il nuovo cornetto Algida per vegani

Urge dunque trovare alternative che sappiano da un lato tutelare il delicato ecosistema marino di flora e fauna, dall’altro rispettare la tradizione culinaria. Una proposta interessante è quella che arriva da New Wave Foods, startup fondata in California dall’attuale CEO Dominique Barnes.

=> Leggi la ricetta vegana per i muffin alle mele

L’azienda ha già trovato l’appoggio di realtà come Google, che dallo scorso anno ha integrato alcuni dei suoi prodotti nei menu offerti ai dipendenti nel quartier generale di Mountain View. L’idea è quella di creare frutti di mare completamente cruelty free, adatti alla dieta vegana, come nel caso dei gamberetti vegani che stanno per arrivare sul mercato:

New Wave Foods vuol fornire frutti di mare sostenibili. Pensiamo ci sia un modo migliore e più intelligente per sfamare il pianeta, creando al tempo stesso esperienze culinarie capaci di rendere omaggio alla ricchezza e alla tradizione del cibo marino.

Con aspetto e sapore del tutto simili a quelli dei crostacei tradizionali, sono in realtà costituiti da alghe e quindi adatti anche al consumo da parte dei vegani. L’arrivo nei negozi è previsto per il mese di aprile, con largo anticipo rispetto alla tabella di marcia iniziale per via di una richiesta del mercato andata ben oltre le aspettative.

L’iniziativa di New Wave Foods, sostenuta fin dal 2015 dall’acceleratore IndiBio della Silicon Valley, e premiata da Fast Company con il riconoscimento World-Changing Ideas, si concretizzerà con il lancio di diversi prodotti. Oltre ai gamberetti, visibili nell’immagine qui sopra, adatti ai vegani ci sono anche i “popcorn shrimp” e un’altra versione realizzata con proteine di soia e alga rossa.

24 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento