Il numero di vegani in Italia è in crescita anno dopo anno. Alla base di tale scelta varie ragioni, tra le quali la protezione dell’ambiente, la volontà di nutrirsi “cruelty free” e motivazioni legate alla salute. Un’alimentazione che mal si adatterebbe però al periodo dell’infanzia. A sostenerlo alcuni pediatri e nutrizionisti italiani, che hanno lanciato un vero e proprio allarme in relazione alle possibili conseguenze sui più piccoli di un’alimentazione priva di carni e derivati animali.

Secondo gli esperti contattati dal quotidiano La Repubblica uno dei rischi maggiori riscontrati nei bambini e lattanti curati è stata la carenza di vitamina B12, che può produrre conseguenze anche gravi tra cui l’anemia e la compromissione delle formazioni neuronali. Come ha spiegato il Dott. Alessandro Ventura, direttore del reparto Pediatria presso l’Ospedale Burlo Garafolo di Trieste:

Non mi era capitato in 41 anni di carriera. Nell’ultimo anno ho visto tre casi, tre lattanti ricoverati da noi per carenza di vitamina B12. Le madri li nutrivano al seno e mangiavano vegano.

Lo stesso Ventura ha proseguito esponendo un ulteriore caso, relativo ai possibili danni neuronali derivanti dalla carenza di vitamina B12:

Il bambino aveva 5 mesi, era sonnolento e non reagiva agli stimoli. Abbiamo fatto tutti gli esami e solo dopo 4 o 5 giorni abbiamo individuato il problema: la dieta vegana della madre che lo allattava. Non ce lo aspettavamo.

A preoccupare gli esperti anche le difficoltà legate alla tempistica delle diagnosi, che richiedono spesso tempi lunghi. A confermarlo è la Dott.ssa Grazia Di Leo, responsabile della nutrizione al Burlo Garofolo:

È vero, a volte ci vuole tempo per arrivare a una diagnosi. Recentemente abbiamo visto un bimbo di 9 mesi con un ritardo dello sviluppo psicomotorio. Prima di accorgerci che il problema era la dieta vegana era stato seguito dai neuropsichiatri. Solo quando ha avuto una serie di sincopi e svenimenti ed è finito in pronto soccorso abbiamo capito l’origine dei problemi.

Una parziale apertura verso la dieta vegana arriva dalla Dott.ssa Antonella Lezo, dietista presso il Regina Margherita di Torino, che ha affermato tuttavia come elevati siano i rischi che possono essere corsi dai bambini:

Con i supplementi è teoricamente possibile far seguire ai bambini una dieta vegana, ma non è facile. A quell’età il fabbisogno di nutrienti è come un puzzle dai pezzetti piccolissimi.

Negli ultimi due anni ho visto in pronto soccorso due bimbi con anemia e fratture spontanee. Fra le cause sospette c’era la dieta vegana.

Secondo quanto ha riferito la Dott.ssa Susanna Esposito, direttrice del reparto Pediatria al Policlinico e docente presso l’Università di Milano, i genitori dovrebbero ragionare sull’eventualità di mantenere nella dieta dei propri figli almeno alcuni prodotti di derivazione animale:

Se non la carne, cerchiamo di convincere i genitori a introdurre almeno uova e latte. Una volta all’anno abbiamo un caso grave. A volte dobbiamo fare anche la segnalazione in Procura.

3 giugno 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
massimo gamberini, venerdì 2 settembre 2016 alle1:58 ha scritto: rispondi »

Credo che in natura I vegani esistano si chiamano ruminanti e per sopravvivere hanno 4 camere stomacali rumine,reticolo omaso e abomaso e devono mangiare tutto il giorno per poter viverela la specie umana ha una sola camera e da milioni di anni vive da onnivora.il vostro mi sembra un fervore religioso gia visto gli antichi idolatravano gli animali.tra un po vi vedo bene in natura a convincere il giaguaro a mangiare bacche vi faccio notare che per produrre frutta e verdura vi dovete difendere dagli insetti fitofagi I quali andranno sacrificati sull altare vegano.

emanuela, domenica 5 giugno 2016 alle15:34 ha scritto: rispondi »

Bellissimo gesto da parte della bambina, speriamo che la sua famiglia lo adotti visto il grande amore dimostrato verso lo sventurato cagnolino.

Guido, venerdì 3 giugno 2016 alle22:47 ha scritto: rispondi »

La prima cosa che viene sempre controllata ad una mamma vegana è proprio la vitamina b12 con un semplicissimo esame Questi rarissimi casi servono solo a confondere l' opinione pubblica a cui vengono nascosti gli studi scientifici che indicano invece l'altissimo numero di casi di malattie croniche sicuramente causate da una dieta contenente un eccesso di proteine animali fin dalla prima infanzia. L' alimentazione mondiale del futuro sarà sicuramente vegana, purtroppo però assisteremo ancora a molta disinformazione e resistenze fortissime sponsorizzate da interessi economici enormi.

mexsilvio, venerdì 3 giugno 2016 alle20:28 ha scritto: rispondi »

I mammiferi , cosi' si chiama la specie di animali che allattano i figli ...!!! hanno impiegato milioni di anni per essere tali , come li vediamo oggi ..??? anche gli erbivori , allattano con latte non vegano i propri cuccioli , e poi per continuare a mangiare vegetali , la natura in milioni di anni li ha dotati di tre stomaci ...!!!

mexsilvio, venerdì 3 giugno 2016 alle20:23 ha scritto: rispondi »

Si deve , chi puo' farlo , informare di piu' sui danni di diete vegane ..!!! gli erbivori come tali , in qualche milione di anni , hanno sviluppato tre stomaci , non e' possibile che l'evoluzione di un corpo -umano- che in milioni di anni e' stato predisposto per essere onnivoro diventi in una generazione erbivoro ..????

Lascia un commento