Dieta vegan: i pediatri la sconsigliano sotto i 5 anni

È in aumento il numero delle persone che scelgono di seguire una dieta vegan. Fra vegetariani e vegani, l’Eurispes calcola che in Italia più di 4 milioni di nostri connazionali scelgono di basarsi su un consumo prevalente di vegetali e non su prodotti animali.

=> Scopri perché la dieta vegana fa ingrassare

 

I pediatri tuttavia non consiglierebbero di seguire una dieta vegana per i bambini sotto i 5 anni. Sono queste le conclusioni del dossier messo a punto dopo un anno di lavoro e che raccoglie 120 studi internazionali realizzati dai massimi esperti di nutrizione pediatrica in Europa.

Per quanto riguarda il vegetarianesimo, gli esperti mostrano un’apertura parziale. Sarebbe importante non trascurare l’assunzione di latte, uova e alimenti che contengono vitamina B12, ferro e omega 3. Il documento sarà presentato nel corso del congresso della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale che si terrà a Mestre.

È incentrato sul concetto fondamentale di evitare di ricorrere al fai da te in tema di alimentazione. Gli studiosi ritengono che la salute di ogni individuo viene determinata soprattutto nei primi giorni di vita e in quelli che si trascorrono nell’utero della madre. Ecco perché molti non consigliano una dieta veg né in gravidanza né nel corso dell’età evolutiva.

=> Leggi la proposta di legge per vietare la dieta vegana ai minori di 16 anni

 

Al limite ci si dovrebbe rivolgere al consulto di uno specialista, per ottenere i consigli più giusti da seguire. Secondo il dossier, le diete vegane sarebbero inadeguate a garantire un corretto sviluppo del bambino, sia per quanto riguarda l’evoluzione neurologica che per ciò che concerne lo sviluppo motorio e psicologico.

In particolare ci potrebbero essere delle ripercussioni in mancanza di alcuni micronutrienti fondamentali per l’organismo umano, come il ferro, lo zinco e la vitamina B12. Gli esperti sottolineano come si debbano evitare carenze alimentari specialmente nei primi 2 anni di vita, che è il periodo in cui si verifica la maggior parte della maturazione cerebrale del bambino.

Gli studiosi raccomandano ai pediatri e ai nutrizionisti di far capire ai genitori che l’integrazione della dieta è fondamentale. La scelta ideale, secondo gli esperti, fin dai primi mesi di vita rimane la dieta mediterranea, che comprende sia cibi vegetali che il consumo, seppur limitato, di prodotti animali.

15 settembre 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento