Dieta salutare e bilanciata a domicilio con FitLunch

Seguire una dieta corretta è importante per la salute del nostro corpo. Scelte sbagliate a tavola possono compromettere i risultati del proprio allenamento, come aumentare il rischio di ammalarsi o di aumentare di peso. Spesso però un ostacolo è rappresentato da orari lavorativi impegnativi che rendono il pranzo un momento in cui difficilmente si riesce a rispettare la propria tabella di marcia.

In alcuni casi l’alimentazione finisce con il rivelarsi un punto debole dello stile di vita anche per la poca attenzione o conoscenza relativa ai macronutrienti e alla scelta dei cibi giusti in relazione ai propri obiettivi sportivi o di fitness. In questo scenario ha deciso di impegnarsi FitLunch, startup incubata da Luiss EnLabs, con l’obiettivo di fornire pasti pronti e bilanciati con attenzione.

=> Scopri come ridurre lo spreco d’acqua in agricoltura con Revotree

Si tratta di un servizio che sfrutta il sistema Messenger di Facebook. Il meccanismo prevede che il consumatore richieda il proprio pasto a un chatbot sulla piattaforma social, segnalando eventuali obiettivi sportivi o di fitness e le sue caratteristiche principali. Verrà a questo punto elaborato un profilo alimentare specifico per garantire alla singola persona un pasto bilanciato, ma soprattutto personalizzato per le sue specifiche esigenze.

A fornire il “Lunchbox” sarà un ristorante, selezionato da FitLunch, della città di residenza dell’utente. La consegna dovrà essere programmata tramite il servizio di prenotazione, con appuntamento programmato al momento della richiesta del pasto. Le consegne avverranno a fasce orarie, così da poter organizzare al meglio più consegne.

Il progetto parte dal presupposto che non esistono vere e proprie porzioni “standard”, ma piatti che devono essere personalizzati in base alle specifiche esigenze del consumatore. Nel futuro FitLunch punta a fornire ulteriori servizi, tra cui abbonamenti settimanali e mensili, pasti per l’intera giornata e “diete personalizzate create da professionisti”.

29 novembre 2017
Lascia un commento