Dieta metabolica settimanale: consigli

Seguire una dieta metabolica settimanale significa cercare di accelerare il metabolismo modificando le proprie abitudini alimentari, cosa che permetterà di dimagrire più facilmente, senza dover fare troppe rinunce. Vediamo alcuni consigli pratici per svolgerne una correttamente e alcuni esempi di menu quotidiani.

Il principio di questa dieta è semplice, propone infatti di mangiare una certa combinazione di cibi in modo che si avvii una precisa reazione chimica e che il metabolismo lavori più velocemente e bruci più grassi. Si dovrebbe ridurre drasticamente il quantitativo di carboidrati assunti a vantaggio di proteine e grassi, così da agevolare una rapida perdita di peso (circa 5 Kg in un mese) e un aumento della massa magra.

È abbastanza facile da seguire: per una settimana bere un minimo di quattro bicchieri di acqua al giorno (meglio otto), ridurre pane, pasta, dolci e altri carboidrati al minimo possibile e utilizzare solo i seguenti condimenti per insaporire i cibi: erbe aromatiche, sale, pepe, limone, aceto, salsa Worcestershire, salsa di soia, senape e ketchup.

Come organizzare i pasti nella dieta metabolica

La dieta metabolica settimanale non prevede un rigido menu fisso ma fornisce dei criteri su cui ognuno può strutturare i propri pasti: la colazione è indispensabile e dovrebbe essere il pasto più ricco della giornata; non c’è bisogno di contare le calorie, evitando comunque di ingerirne troppe; gli alimenti non vanno pesati per forza; i pasti dovrebbero contenere soprattutto alimenti a basso indice glicemico; gli alimenti che si possono mangiare a piacere e senza limiti particolari sono hamburger, bistecca magra, salsiccia, carne di cervo, salmone, agnello, gamberetti, aragosta, pollo, tacchino, sardine, acciughe, formaggio, brasato, noci e uova.

Esempio di menu dal lunedì al venerdì

Colazione: caffè o tè con uno o due pacchetti di biscotti integrali.
Pranzo: due uova sode e un piatto di spinaci cotti.
Cena: una grande bistecca con un’insalata di lattuga e sedano.

Esempio di menu per il weekend

Colazione: caffè o tè e uno o due pacchetti di biscotti integrali e un pacchetto di cracker.
Pranzo: pollo alla griglia (senza pelle).
Cena: uova sode e carote crude.

È indispensabile fare ogni giorno dell’attività fisica che aiuti il corpo a mantenersi in forma e a un dimagrimento più veloce. Gli svantaggi principali sono legati a un possibile senso di stanchezza e di mal di testa, dovuti allo scarso apporto di carboidrati, e al possibile aumento del colesterolo, per tale motivo è consigliabile chiedere il parere di un dietologo prima di iniziare a seguirla.

23 aprile 2014
Immagini:
I vostri commenti
andrea61, lunedì 1 settembre 2014 alle12:59 ha scritto: rispondi »

Mi scusi, ma se la dieta metabolica è così favorevole alla formazione di neoplasie, come mai vengono condotti studi approfonditi per capire come mai tali diete blocchino lo svilupo di tumori e metastasi ?

assunta, giovedì 8 maggio 2014 alle17:39 ha scritto: rispondi »

ma la dieta metabolica e tutti i giorni cosi?

Mirna Visentini, giovedì 24 aprile 2014 alle7:17 ha scritto: rispondi »

Le diete proposte in questi articoli sono pericolose e fuorvianti. Pericolose in quanto sono degli acceleratori verso tutte le malattie, cancro compreso. Se mettete un corpo in affanno di ossigeno per mancanza di cibi vivi e crudi come frutta e verdura, e lo acidificate con "cibi" animali e derivati, esso nel giro di breve tempo cercherà di produrre cellule che sopravvivano senza ossigeno, che non invecchino mai e che non muoiano mai: peccato che sia mortale, si chiama tumore. Uno su tre . Continuate a scrivere corbellerie riguardo l'alimentazione adatta al genere umano! Vi paga Cremonini o la Bayer ? Perchè continuate a produrre malattie e malati? Andate sul blog di Valdo Vaccaro ed informatevi, o venite al congresso del 18 Maggio a Padova, o guardate le Iene in TV o leggete il mio libro: La Dieta Comica (infatti riderete per tutte le corbellerie che vi hanno raccontato finora!) Mirna Visentini Dietista Bologna mirnavisentini@gmail.com

Lascia un commento