Chi vorrebbe depurarsi e disintossicarsi, e magari dimagrire, potrebbe provare la dieta della mela rossa: un frutto oltre che essere tra i più amati dagli italiani, ha anche un alto potere saziante e aiuta a combattere la ritenzione idrica. Vediamo i consigli per farla correttamente.

Le mele aiutano a pulire il fegato, i reni e migliorano la nostra salute in generale, contribuendo anche ad abbassare il livello di colesterolo cattivo. Chi desidera perdere peso dovrebbe mangiare mele rosse, poiché le mele verdi tendono a stimolare l’appetito mentre quelle rosse a saziare; bene comunque anche quelle gialle, qualora si volesse cambiare.

Dieta della mela rossa: varianti di menù e benefici

Ci sono alcune varianti della dieta della mela rossa, sicuramente drastiche ma che aiutano a dimagrire:

  • Prima variante di un solo giorno: durante il giorno si dovrebbero mangiare 2,7 chilogrammi di mele, una grande quantità che assicurerà al corpo tutti i liquidi di cui ha bisogno. Non bere nient’altro, compresi succhi di frutta, tè o anche acqua;
  • Seconda variante: durante una giornata si possono mangiare solo ed esclusivamente mele, senza alcun limite, fin quando non si è sazi. Si può variare con tè, tè verde o altre bevande a base di erbe;
  • Terza variante da una volta alla settimana: cinque o sei volte al giorno mangiare una mela insieme a mezzo bicchiere di kefir, ed è questa una variante davvero efficace;
  • Quarta variante veloce di tre giorni: nella prima giornata si mangiano solo le mele, fino a 4 o 4,5 Kg. Il secondo e il terzo giorno ai frutti si associano 200 grammi di yogurt senza grassi.

Chi invece non volesse dimagrire perché ha già raggiunto il peso forma, può includere la mela rossa durante l’arco dell’intera giornata: oltre a essere salutare aiuta a recuperare l’energia dopo una mattinata intensa. Per questo motivo è consigliabile mangiarla a pranzo o, in alternativa, come spuntino per la merenda.

27 maggio 2014
Fonte:
I vostri commenti
Marisa, sabato 26 dicembre 2015 alle13:08 ha scritto: rispondi »

La terza fase non è chiara. Cosa si può mangiare d'altro nella giornata.

mauro manocchio, mercoledì 4 giugno 2014 alle2:32 ha scritto: rispondi »

sono mauro 60enne reduce da ictus capsulo lenticolare dx e parkinsonismo bilaterale ipercentrico tutto questo dal 2007 in piu' soffro di dolore acuto centrale da ictus di livello 9vas considerato trafittivo e lancinante non rispondente ad alcuna terapia antalgica-non muovendomo molto mi sono ingrassato tanto che peso kg 107 e sono alto 1.75-non potendo deglutire cibi solidi perche' quando fui intubato nel togliermi la cannula non si accorsero di avermi provocato una lesione tracheale che poco alla volta mi ha mandato nuovamente in coma con arresto respiratorio- da allora non mangio piu' cibi solidi ma solo frullati in quantita' non superiore a 2 vasetti di omogeneizzati per neonati al giorno-mangio quasi sempre mele ma non riesco a perdere neanche un gra

Cinzia, mercoledì 28 maggio 2014 alle23:10 ha scritto: rispondi »

Questa dieta delle mele rosse mi piace molto ma volevo sapere se si può aggiungere la mattina un cappuccino soltanto !!!!! Perché io non riesco proprio a farne a meno la mattina appena mi sveglio . Avrebbe lo stesso effetto dimagrante con questa piccola modifica?

Lascia un commento