Una App per aiutare a scegliere cibi salutari della Dieta Mediterranea. L’invenzione tutta italiana arriva dal Dr. Alessandro Casini, professore associato presso l’Università di Firenze e dal Dr. Alessandro Tozzi, dirigente medico in Gastroenterologia dell’Asl 11 di Empoli. Insieme hanno dato vita al progetto Nunacode Srl.

Il funzionamento di Nuna è semplice, una volta selezionato il prodotto desiderato l’applicazione fornirà un giudizio basato su valori nutrizionali ed espresso attraverso etichette con scala “a semaforo”: con il verde si potrà acquistare senza timori il cibo scelto, in quanto in linea con le raccomandazioni per la salute, con il giallo si potrà acquistare, ma prestando comunque cautela mentre con il rosso il bene sarà sconsigliato.

La selezione del prodotto da giudicare avverrà in tre differenti modalità: tramite foto scattata al codice a barre; mediante individuazione all’interno di una lista pre-compilata o cercando il nome del prodotto tramite l’apposita funzione di ricerca.

Per ciascuna selezione Nuna darà una risposta grazie a un apposito semaforo: se il colore è verde l’alimento risponde alle necessità nutrizionali del consumatore, giallo significa permesso con riserva, mentre rosso non è consigliato. La App varia il suo giudizio in relazione anche a parametri come la composizione del prodotto o la frequenza di acquisto, che potrà essere impostata manualmente dall’utente.

Al sistema a semaforo si affianca poi una tecnica basata sulla piramide alimentare, che attraverso indicatori quali il bilanciamento tra i macronutrienti (come proteine, grassi e carboidrati) e il corretto apporto delle sostanze nutritive richieste. Come ha spiegato il Dr. Casini, professore associato di Gastroenterologia e nutrizione umana presso il Dipartimento di Medicina sperimentale e clinica dell’ateneo fiorentino:

Una corretta spesa alimentare modifica la composizione della dispensa in casa, incrementa la competenza nutrizionale e permette di apportare correttivi alla propria dieta. Nuna rivoluziona l’approccio alla dieta perché il semaforo, dinamico e intelligente, non tiene conto solo della composizione dell’alimento, ma anche delle necessità nutrizionali del consumatore e della dieta nel suo complesso.

Un’applicazione semplice da utilizzare, sottolinea anche il Dr. Tozzi, che potrà aiutare a scegliere una spesa sana ancor prima di arrivare al negozio:

Inserendo i vari alimenti nella App si potrà ottenere una vera e propria lista della spesa che si potrà sincronizzare e condividere in tempo reale con altri utenti. In questo modo è possibile programmare una spesa sana anche prima di essere al negozio.

L’applicazione verrà presentata in via ufficiale il 20 e 21 ottobre a Roma durante il congresso della Società Italiana di Nutrizione Umana. È però già possibile scaricare l’applicazione dai dispositivi mobili Apple e Android, dotati quindi di app Apple Store o Google Play.

17 ottobre 2014
Fonte:
Lascia un commento