Seguire la Dieta Mediterranea può ridurre il rischio di fratture rendendo le ossa più forti. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Wurzburg, in Germania, secondo il quale un’alimentazione ricca di frutta, verdura, pesce e cereali integrali contribuisce a minimizzare i rischi.

Durante lo studio i ricercatori tedeschi hanno analizzato i profili di 90.014 donne statunitensi di età media pari a 64 anni. Stando ai risultati ottenuti sembra che una più stretta aderenza alla Dieta Mediterranea sarebbe valsa una riduzione del rischio di fratture del bacino pari al 29% nell’arco dei 16 anni. Una dimostrazione, sostengono gli esperti, dell’importanza di una corretta alimentazione nella prevenzione dell’osteoporosi.

I dati sono stati ottenuti mediante compilazione di questionari legati alle rispettive abitudini alimentari, dai quali sono stati ricavati differenti profili in relazione alla maggiore o minore aderenza ai criteri della Dieta Mediterranea. Parametri per l’assegnazione di speciali punteggi sono stati da un lato l’elevato consumo di frutta, verdura, legumi, olio d’oliva e pesce, dall’altro la minor assunzione di carne rossa e burro.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica JAMA Internal Medicine. Come ha sottolineato nelle sue conclusioni l’autore principale dello studio, il Dr. Bernhard Haring:

Una dieta di alta qualità caratterizzata dall’aderenza alla Dieta Mediterranea è associata a un minor rischio di fratture del bacino.

Questi risultati supportano l’idea che seguire una dieta salutare possa giocare un ruolo nel mantenimento della salute delle ossa nelle donne nel periodo postmenopausa.

29 marzo 2016
Fonte:
Lascia un commento