La Dieta Mediterranea è da tempo indicata come uno dei regimi alimentari più salutari. A supportare una volta di più questa ipotesi lo studio condotto dall’IRCCS Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed di Pozzilli, in Molise, secondo il quale l’alimentazione mediterranea aiuterebbe a tenere sotto controllo le infiammazioni croniche non ancora evidenziate all’interno del quadro clinico.

Pubblicata sulla rivista statunitense Blood, la ricerca spiega come l’infiammazione cronica possa essere associata all’alimentazione. Vantaggi per salute potrebbero essere portati in questo senso proprio dalla Dieta Mediterranea. Secondo quanto riferito dal Dr. Giovanni De Gaetano, responsabile del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’IRCCS:

L’infiammazione silente o subclinica è una condizione cronica a cui tutti siamo più o meno esposti. Non stiamo parlando di fasi acute, come un’influenza o una polmonite ma piuttosto di uno stato silente in cui tutti, in vario grado, ci troviamo.

Questo stato infiammatorio si rileva generalmente analizzando il livello di alcuni marker, come ad esempio la proteina C reattiva, o anche il numero di piastrine e di globuli bianchi (leucociti) nel sangue. Se però per la proteina C reattiva era stata segnalata un’associazione con l’alimentazione, per i leucociti e le piastrine nessuno ancora aveva provato a testare se esistesse un rapporto diretto con ciò che mangiamo ogni giorno.

Un impatto che sarebbe risultato evidente per quanto riguarda la Dieta Mediterranea, come spiega l’autrice principale dello studio, la Dr.ssa Marialaura Bonaccio:

I nostri dati indicano che la Dieta Mediterranea riduce significativamente il numero delle piastrine e dei leucociti. Questo ci fa pensare che una sana alimentazione induca una riduzione del livello di infiammazione sub-clinica.

Le nostre analisi indicano che un ruolo fondamentale è giocato proprio dal contenuto antiossidante e dalle fibre di cui questo modello alimentare è particolarmente ricco.

1 aprile 2014
I vostri commenti
manu, martedì 1 aprile 2014 alle14:36 ha scritto: rispondi »

leggo molto volentieri le informazioni che mi mandate, mi piacerebbe anche sapere di più circa la prevenzione al osteoporosi, grazie mille Manu62

Lascia un commento