Le donne che seguono la Dieta Mediterranea hanno un minore rischio di tumore dell’utero. Secondo quanto affermano i ricercatori italiani dell’IRCCS-Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” di Milano un’alimentazione ricca di frutta, verdura, pesce e cereali può fare la differenza nella prevenzione della patologia tumorale.

Secondo i ricercatori italiani seguire la Dieta Mediterranea permette alla donne di ridurre il rischio di tumore dell’endometrio, una mucosa che riveste la parte interna dell’utero, di oltre il 50%. Un pericolo più che dimezzato quindi secondo i risultati dello studio, condotto su oltre 5.000 donne, finanziato dalla Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (FIRC) e pubblicato sul British Journal of Cancer.

Analizzando i dati relativi all’alimentazione delle donne incluse nello studio è emerso come coloro che seguivano in maniera più stretta la Dieta Mediterranea mostravano un rischio di tumore dell’endometrio ridotto del 57%. Una maggiore aderenza a tale alimentazione comportava inoltre una percentuale più alta di riduzione del pericolo rispetto a chi era meno rispettosa.

L’aderenza alla Dieta Mediterranea è stata valutata in base a 9 parametri alimentari: forte consumo di frutta e verdura, legumi, cereali, patate, pesce e grassi polinsaturi; scarso apporto di carne, latte e latticini; consumo moderato di alcol.

Un’alimentazione ricca di antiossidanti, fibre e grassi polinsaturi, che può rivelarsi utile a combattere non soltanto il tumore dell’endometrio. Come ha spiegato una delle firme dello studio, la Dr.ssa Alessandra Tavani, Dipartimento di Epidemiologia del Mario Negri:

Le nostre ricerche in questo campo mostrano che per noi italiane aderire a uno stile di Dieta Mediterranea permette di diminuire il rischio di sviluppare non solo il tumore dell’endometrio, come mostrato da questa ricerca, ma anche il rischio di tumori del cavo orale, stomaco, fegato e pancreas, oltre che diminuire il rischio di infarto miocardico, come abbiamo già osservato in studi analoghi.

29 maggio 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento