Dieta Mediterranea come aiuto naturale contro i tumori. Una nuova conferma arriva dai ricercatori italiani dell’Università di Catania, dove uno studio ha appena dimostrato come sia la particolare ricchezza di folati, la cosiddetta vitamina B9 nella sua forma naturale, a garantire un’ottima difesa dell’organismo umano da fattori ambientali e stili di vita sbagliati.

Seguire la Dieta Mediterranea assicurerebbe, proprio grazie ai folati, una protezione soprattutto per quella tipologia di tumore nota come cervico-carcinoma. Alla guida del progetto la Dr.ssa Antonella Agodi, Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e Tecnologie avanzate “Gian Filippo Ingrassia” dell’Università di Catania, che ha sottolineato i vantaggi per i futuri studi offerti dai risultati ottenuti dall’attuale ricerca:

I risultati dello studio ci consentiranno di individuare specifici target di popolazione per gli interventi di prevenzione, una sorta di banca di campioni biologici ben caratterizzati dal punto di vista epidemiologico al fine di effettuare nuovi passi avanti nella ricerca sui tumori femminili.

A offrire i benefici dei della vitamina B9 soprattutto spinaci, nelle cui foglie fu per la prima volta identificata (anni ’40) e dai quali deriva il nome (folati dal latino “folium” = foglie), ma anche agrumi, legumi, pomodori e olio d’oliva ne contengono in buone quantità. Presente anche nel pane e nella pasta, come nella frutta secca, nei cavoli e nella lattuga. Negli alimenti di origine animale si può trovare ad esempio nelle uova.

Un recente studio della Harvard Medical School ha inoltre indicato la Dieta Mediterranea come alimentazione salutare in grado di allungare la vita. A renderlo possibile sarebbe l’azione di allungamento a carico dei telomeri, la parte terminale del DNA, veri e propri indicatori dell’aspettativa di vita di ciascun individuo.

9 gennaio 2015
Lascia un commento