Dieta Life 120: cos’è, come funziona ed efficacia

Descritto più come stile di vita che semplice dieta, il Life 120 rappresenta un regime alimentare improntato su abitudini remote, che promette di allungare la durata della vita tenendo lontano da malattie degenerative e patologie molto comuni in epoca moderna, sconosciute invece nel passato.

La Dieta Life 120 si basa essenzialmente su tre linee guida: a un’alimentazione ritenuta salutare si aggiungono la pratica dell’attività fisica e soprattutto l’assunzione di integratori specifici. L’obiettivo è quello di raggiungere in salute anche 120 anni di età, mettendo in pratica queste regole base e proteggendosi dalle malattie responsabili di ridurre nettamente l’aspettativa di vita.

=> Scopri i benefici della dieta mediterranea contro l’osteoporosi


Alla base della Life 120 vi è un’alimentazione “paleo” (detta anche paleodieta), vale a dire improntata sulle abitudini tipiche dei protagonisti dell’età della pietra che si nutrivano di caccia e pesca, sostanzialmente alimentandosi con carne, pesce, verdure e frutta, evitando cereali e legumi.

Come funziona

Carne

Dietro l’ideazione della Dieta Life 120 compare Adriano Panzironi, giornalista, imprenditore e sostenitore dello stile alimentare in grado di far vivere in salute e a lungo, nonché autore di un volume che illustra le caratteristiche del regime dietetico proposto.

Come accennato, i sostenitori della Dieta Life 120 propongono l’assunzione di cibi consumati anche nell’epoca paleolitica, sostanzialmente a base di proteine vegetali e animali derivate da carne, pesce, verdura, bacche e frutta: ogni tipo di cereale, legume e tubero deve essere evitato e sostituito con specifici integratori a base di vitamine, spezie, olio di pesce e aminoacidi.

Da abolire, quindi, sono il pane, la pasta e il riso, ritenuti responsabili di causare un netto accumulo del grasso corporeo e di aumentare il rischio di sviluppare una serie di malattie. La Dieta Life 120 prevede un consumo molto limitato di latte e di suoi derivati, puntando il dito contro la dieta mediterranea, ritenuta fonte di infiammazioni e disturbi di varia natura.

=> Scopri la dieta senza zuccheri


Più che su uno schema alimentare preciso, la Dieta Life 120 propone una serie di alimenti consigliati e altri da limitare fortemente, sottolineando l’importanza di assumere una serie di integratori ritenuti benefici e di fare riferimento a un ricettario variegato, il tutto illustrato anche attraverso un portale web dedicato.

Efficacia e critiche

Integratori

Lontana dalla dieta mediterranea, la Dieta Life 120 sottolinea il legame tra la prima e lo sviluppo di diverse patologie degenerative: è proprio su questo concetto, ritenuto privo di valenza scientifica, che fanno leva diversi detrattori di questo stile alimentare, tanto che la stessa ADI – Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica – ha più volte ribadito non solo la non veridicità dei principi cardine di questa dieta ma anche l’urgenza di istituire un’Autorità di vigilanza da parte del Ministero della Salute. A essere criticato, inoltre, è anche il fatto che a proporre lo stile alimentare non sia un medico o un nutrizionista.

La Dieta Life 120, inoltre, appare lontana dai principi base dell’alimentazione salutare ribaditi in un documento siglato dal CNSA (Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare), in seguito alla pubblicazione della monografia IARC/OMS, incentrata sulla valutazione della possibile cancerogenicità della carne rossa: a essere raccomandata come fattore preventivo relativo sia ai tumori sia alle patologie cardiovascolari è un’alimentazione ispirata al modello mediterraneo, che eviti il consumo eccessivo di carne rossa riducendo l’apporto di grassi e proteine animali a favore dell’assunzione di cibi ricchi di vitamine e fibre.

In ogni caso, prima di affidarsi a qualsiasi tipologia di dieta che non propone un regime alimentare variegato ed equilibrato, è fondamentale consultarsi con il proprio medico o con un esperto nutrizionista.

20 luglio 2018
Immagini:
Lascia un commento