In una dieta sana ed equilibrata, che sia anche dimagrante, i cereali integrali rappresentano una migliore opzione rispetto ai cereali raffinati. È bene dunque aggiungerli in buone quantità nel proprio menu settimanale.

Sono una buona fonte di carboidrati complessi e di alcune vitamine e minerali, sono a basso contenuto di grassi e vengono collegati dai ricercatori a un minor rischio di malattie cardiovascolari, diabete, alcuni tipi di cancro e altri problemi di salute. In un regime alimentare equilibrato, almeno la metà di tutti i cereali ingeriti dovrebbero derivare proprio da quelli di tipo integrale.

Esempi di cereali integrali includono orzo, riso integrale, grano saraceno, fiocchi d’avena, popcorn, pane, pasta o cracker integrali, riso selvatico. Per essere sicuri di ciò che si mangia controllare sempre l’etichetta del prodotto e assicurarsi che il termine “integrale” compaia tra i primi elementi della lista degli ingredienti.

Ecco invece qualche suggerimento per una dieta di successo. È bene optare per una prima colazione che includa i cereali integrali, come ad esempio i fiocchi di crusca, frumento oppure farina d’avena; al posto del classico pane di grano intero scegliere quello integrale e la medesima cosa vale per le tortillas.

Sostituite il riso bianco con quello integrale o con il grano saraceno, alimenti utilizzabili sia singolarmente che per minestroni, zuppe o insalate. Si potrebbero poi usare i fiocchi di avena schiacciati nelle ricette in sostituzione della mollica di pane.

Mangiare più cereali integrali assicura non solo una salute migliore, ma agevola anche il peso forma e aiuta a rendere pasti e spuntini più interessanti dal punto di vista nutrizionale.

25 ottobre 2013
Fonte:
I vostri commenti
Pelusi M Luigia, martedì 5 novembre 2013 alle20:56 ha scritto: rispondi »

Ho perso dei chili per una dieta forzata dovuta al Deltacortene ossia cortisone ,la mia glicemia si è alzata .70 grammi di pasta oppure 70grammi di pane .come posso fare per riprendere i miei chili

Lascia un commento