La dieta che impazza in questo periodo, la famigerata dieta Dukan, comincia a fare acqua da più parti. Non solo si era discusso sul fatto che potesse essere dannosa per la salute ma ora emergono studi secondo i quali sono almeno due su tre le persone che riacquistano tutti i chili persi.

Altro che dieta contro lo yo-yo insomma. Secondo le ricerche dell’Anses (Agenzia nazionale per la sicurezza sanitaria di alimentazione, ambiente e lavoro francese) la dieta Dukan non è affatto immune dal fastidioso contrattempo di quasi tutte le diete al mondo: il recupero dei chili persi.
L’esperimento portato avanti dall’agenzia francese ha infatti preso in considerazione 5mila persone che si sono sottoposte alla dieta Dukan e ha dato risultati a dir poco deludenti per tutte le persone che la stanno seguendo, come ha dichiarato Boris Hansel dell’ospedale di Parigi:

“Il nostro studio dimostra che un anno dopo aver cominciato questa dieta, il 35% delle persone ha ripreso i chilogrammi persi. Dopo due anni sono il 64% a essere di nuovo ingrassate e dopo tre anni ben l’80%.”

Lo stesso specialista ha puntato l’attenzione sul fatto che ci si concentra sempre sui risultati immediati ma non su prospettive a lungo termine. E in effetti nonostante la popolarità, persino Kate Middleton l’ha praticata prima del matrimonio regale con i risultati che tutti abbiamo visto, è proprio il tipo di dieta che solitamente viene considerato a rischio yo-yo.

La dieta infatti non pone limite di quantità nel cibo che si può mangiare a patto che si tratti esclusivamente di proteine nel primo periodo, di 2-7 giorni, a cui vanno aggiunte le verdure in un secondo momento, per poi recuperare i carboidrati nella terza fase di consolidamento, e nella finale di stabilizzazione.

È abbastanza evidente che una dieta a base solo di carne e pesce ha dei risultati incredibilmente veloci, ma quando si torna a mangiare carboidrati, e chissà magari anche qualche dolce, è difficile mantenerli. Sempre Hansel ha detto:

“La dieta non è sostenibile nel lungo termine perché non corrisponde ai bisogni del nostro corpo. All’inizio provoca euforia, ma poi le restrizioni non sono più gestibili e provocano disturbi del comportamento alimentare.”

Per non parlare del fatto che una dieta di questo tipo pare sia dannosa per la salute, con il rischio di malattie cardiovascolari e del fegato, a causa di un apporto proteico troppo elevato per il fabbisogno giornaliero normalmente indicato.

Che le famose seguaci dello star-system, oltre alla novella principessa d’Inghilterra, anche Gisele Bunchen e Jennifer Aniston, si ritroveranno presto con tutti i chili tenacemente persi?

26 marzo 2013
Lascia un commento