Nella dieta dimagrante dovrebbero essere inseriti alcuni alimenti che, meglio di altri, possono aiutare a bruciare i grassi. Il concetto “brucia-grassi”, tuttavia, non è vero in toto. Come ha avuto modo di spiegare il dottor Luca Piretta, nutrizionista, non esistono, in realtà, alimenti che bruciano i grassi, ma esistono comportamenti e modelli alimentari che favoriscono il consumo degli stessi.

Proprio per questo motivo, non può essere seguita una dieta dimagrante costituita solamente da tali cibi brucia-grassi, ma bisogna costruire un regime alimentare equilibrato in cui rientri anche l’attività fisica. Infatti, solo l’attività fisica è in grado di riattivare il metabolismo che, qualora fosse pigro, potrebbe essere stimolato e aiutato dal sale iodato. Una dieta anticellulite, invece, è quella quasi priva di sale: chi soffre di cellulite dovrebbe evitare gorgonzola, pecorino, acciughe, prosciutto, aringhe e l’eccesso di dolci.

Fatte queste premesse e compreso che un alimento in sé e per sé non può bruciare i grassi, ecco ora qualche consiglio su quali cibi consumare per svegliare il metabolismo e seguire un regime alimentare corretto che, a lungo andare, aiuterà a smaltire anche i grassi.

L’ananas non brucia propriamente i grassi, ma contiene un enzima, chiamato bromelina, che favorisce la digestione e permette di bruciare alcune proteine, specialmente quelle antiinfiammatorie. L’ananas è ricco di acqua, quindi aiuta i reni nella depurazione dell’organismo e stimola l’intestino. I broccoli aiutano l’assorbimento di vitamina C e di calcio, di cui sono ricchi. Il broccolo sazia e ha scarso contenuto calorico, pertanto è ideale per chi segue una dieta dimagrante, oltre al fatto che previene raffreddori e influenza.

Pompelmo e limone aiutano a dimagrire, dal momento che influiscono sull’insulina, impedendo che il suo livello si innalzi (sono indicati, infatti, anche nelle diete per i diabetici). Le fragole sono povere di zuccheri, contengono vitamina C e sali minerali e hanno potere diuretico e anticellulite.

Il kiwi, anch’esso fonte di vitamina C, contiene molte fibre, che permettono quindi di combattere la stitichezza e i gonfiori addominali. La papaya contiene solo 13 calorie ogni 100 grammi, non contiene grassi e ha una forte capacità depurativa: migliora la digestione ed è ottima per chi soffre di cellulite.

Al consumo di alimenti poco calorici, bisogna affiancare l’uso di molta acqua e tè verde. Bere molta acqua aiuta a perdere peso, diminuisce il gonfiore addominale e permette di eliminare sodio e tossine, grazie alla sua azione diuretica. Ogni giorno andrebbero bevuti un litro o un litro e mezzo d’acqua. Il tè verde, invece, secondo molti studi, aiuterebbe a stimolare il metabolismo: ha importanti proprietà digestive e diuretiche e contiene la teina, che stimola il sistema nervoso ed è antiossidante. Il tè, pertanto, è una bevanda particolarmente salutare.

26 marzo 2013
I vostri commenti
Grazia, mercoledì 9 novembre 2016 alle12:50 ha scritto: rispondi »

Salve, anche se non sono sovrappeso si sta accumulando grasso su pancia e fianchi. Mi straborda dai pantaloni con un effetto orribile. Cosa posso fare?

Angela, sabato 8 ottobre 2016 alle0:25 ha scritto: rispondi »

Vorrei una buona dieta brucia grassi grazie

Grazia, martedì 9 giugno 2015 alle12:14 ha scritto: rispondi »

Ciao io o un po di colesterolo alto (224) ho 26 anni mi può consigliare qualcuno senza assumere medicine come posso farlo abbassare a bruciare grassi ?

carmela, lunedì 10 marzo 2014 alle17:41 ha scritto: rispondi »

..essere informata è importante e conoscere i prodotti che fanno bene altrettanto.C'è poca informazione da parte degli enti sociali preposti! Attendo vostre gradite notizie

lorella, martedì 21 gennaio 2014 alle15:12 ha scritto: rispondi »

vorrei sapere se esiste qualche espediente per combattere il desiderio del dolce. grazie

Lascia un commento